Se fino ad oggi hanno accusato i vostri sbadigli lunghi di essere sintomo di stanchezza e soprattutto di noia, per voi sta arrivando una bella rivincita. Secondo uno studio condotto dalla State University di New York infatti, più gli sbadigli sono lunghi più grande e prestante sarebbe il cervello. Ossia, sbadigliare più a lungo sarebbe sintomo di estrema intelligenza.

I ricercatori sono giunti a tale conclusione analizzando gli sbadigli, la loro durata e poi lavorando sui dati in merito alla dimensione del cervello del soggetto (anche di animali). Da queste comparazioni si sarebbe quindi giunti alla conclusione che maggiore è la dimensione dello sbadiglio maggiore è il volume della materia grigia (e non della mascella, come si era pensato fino a questo momento).

Sempre secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio, più è evoluta una specie più è grande lo sbadiglio che essa produrrà. Per quanto riguarda pi i soggetti appartenenti alla medesima specie – ad esempio gli esseri umani -, quelli che spalancano di più la bocca avrebbero dimostrato di possedere più materia grigia dei loro simili che la spalancano meno. Da qui la conclusione che i primi siano più intelligenti rispetto ai secondi. Studi successivi dovranno dunque dimostrare che tale ipotesi sia effettivamente valida come sembra.