Ancora non siete partiti e già soffrite pensando a quando tornerete: un classico! Fasciarsi la testa prima di romperla non è mai una buona idea, ma in questo caso, alcuni consigli preventivi potrebbero risparmiarvi alcune tragiche conseguenze del ritorno alla vita quotidiana.

Sintomi come irritabilità, calo di attenzione, mal di testa, difficile digestione della quotidianità e un generico senso di stordimento, pare che colpiscano circa una persona su dieci al rientro dalle vacanze (ecco i consigli per risparmiare in vacanza).

Per prevenire la sindrome da rientro basta seguire tre consigli: chiudere gli affari irrisolti, ricavarsi dei momenti di pausa anche brevi durante tutto l’anno, e imparare a gestire gli obiettivi.

Per recuperare energie occorre infatti imparare a ritagliare dei momenti di riposo ogni giorno, non solo in vacanza, perché sono indispensabili per ricaricare mente e corpo.

Un’altra cosa fondamentale è portare a termine gli obiettivi. Dopo il consumo di benzina mentale per concludere un affare infatti, quando l’obiettivo viene raggiunto pienamente, come per magia, la mente si ricarica, anche se fino a un attimo prima si era stanchi (ecco altri consigli per superare il trauma post rientro).

photo credit: Βethan via photopin cc