La rinite cronica, e in particolare quella allergica, è una malattia molto comune. Rinite è una parola composta da “rino” che significa “naso”, e dal suffisso “-ite” che significa “infiammazione”; la rinite allergica è perciò, come dice il termine, un’infiammazione provocata dalla reazione della mucosa del naso a determinate sostanze.

Non è sempre facile distinguere la rinite allergica da quelle infettiva, causata da batteri o virus, ed è difficile soprattutto in età infantile dove le manifestazioni allergiche sono mascherate dalle ripetute infezioni virali. Si deve sospettare la natura allergica quando la comparsa del disturbo non consegue a infezioni delle vie aeree, se i sintomi compaiono in primavera e in estate, se le recidive sono superiori ai 5 eventi all’anno, se si identificano ritmi cronologici che dipendono dall’allergene in causa.

CHE FARE IN CASO DI RINITE ALLERGICA

In caso di rinite allergica si consiglia in genere di ridurre il consumo di latticini, come il latte e i formaggi, che di carboidrati raffinati, come lo zucchero bianco, perché questi alimenti sembrano favorire la produzione di muco.

Ci sono anche diversi rimedi naturali molto utili per ridurre i sintomi della rinite allergica… Vediamoli.

ERBE UTILI

In caso di rinite allergica, si consiglia di assumere 50 gocce 2 volte al giorno del macerato glicerico di Ribes nigrum; iniziate il trattamento un paio di mesi prima della comparsa dei sintomi e continuate per tutto il periodo in cui si è colpiti dalla rinite. Aggiungete Manganese in oligoelemento, 1 fiala al giorno, per lo stesso periodo.

INTEGRATORI

  • Vitamina C, 1000 milligrammi al giorno. Ha un effetto antistaminico.
  • Olio di enotera capsule, (circa 1500 mg al giorno in 2 somministrazioni, in associazione a olio di ribes capsule, circa 2000 mg al giorno in 3 somministrazioni). Da iniziare con 20 giorni di anticipo rispetto all’insorgenza dei sintomi e da protrarre per tutto il periodo dell’allergia. Porta significativi miglioramenti nella sintomatologia.

RIMEDI OMEOPATICI

In caso di attacchi acuti – ovvero quando c’è lacrimazione e in presenza di scolo nasale, starnuti e irritazione agli occhi o al naso, e se la condizione peggiora al chiuso e verso sera – viene prescritto Allium cepa. Nei casi di violenti attacchi di starnuti con prurito al naso, si consiglia Arsenicum album. Sabadilla potrebbe essere più efficace e indicato nei casi di scolo nasale con prurito, naso chiuso, occhi arrossati e frequenti starnuti.  Si può aggiungere Histaminum 30 CH, 5 granuli al mattino e un mix di pollini, preparato in base alle diverse allergie, in diluizione omeopatica, di solito alla 9 CH o alla 30 CH, 5 granuli tutte le sere prima di dormire.

Dove non è specificato, il rimedio prescelto va assunto alla 5CH, 5 granuli 4-5 volte al giorno secondo necessità.

AROMATERAPIA

L’olio essenziale di cajeput svolge un’azione decongestionante e può essere inalato o assunto per via orale (2-3 gocce su una zolletta di zucchero -  meglio non usare il miele per via dei pollini -  2 volte al giorno).