In molti conoscono – purtroppo – le sensazioni della sbornia (oggi si chiama anche da noi ‘hangover’): una combinazione di mal di testa, nausea, bolle nella testa e depressione. Molti di questi sintomi sono connessi con il fegato che, essendo in sovraccarico, non riesce a compiere molte delle sue funzioni più importanti.

Le erbe amare stimolano l’attività del fegato e lo spingono a velocizzare le sue funzioni di disintossicazione. Quali sono le erbe migliori da utilizzare? La verbena è un’erba amara e la lavanda aiuta la digestione; entrambe inoltre hanno un effetto di risollevamento generale dell’umore. Se le usate in combinazione, avrete un sollievo immediato.

In generale, in caso di sbornia, è anche consigliabile bere molta acqua ed assumere qualche dose extra di vitamina C, sia dalla frutta che come integratore.

LA TISANA DEL MATTINO DOPO

Mettete 1 cucchiaino da té di verbena essiccata e mezzo cucchiaino di fiori di lavanda in una grande tazza. Aggiungete 600ml di acqua bollente e coprite per trattenere gli olii volatili che rilasciano le erbe. Lasciate in infusione per 10 minuti, poi mescolate, filtrate, e dolcificate – se volete – con un po’ di miele.

Bevete questa tisana quante volte volete (e sino a quando ne sentirete il bisogno) durante il giorno: quando non ne sentirete più la necessità, comincerete a stare meglio.

Un’ultima cosa… per dirla alla Albert Willimetz: “Non pensate di annegare i vostri dispiaceri nell’alcol. Sanno nuotare.