Per capire come affrontare la maggior parte di questi problemi, immaginiamo i polmoni come delle spugne molto dense e leggermente umide. Queste spugne devono mantenersi morbide e i loro pori devono essere aperti per ricevere i gas dell’aria e dal sangue. I problemi si sviluppano quando la spugna risulta eccessivamente bagnata e i suoi buchi si ostruiscono, come nel caso dell’asma, o quando l’ambiente all’interno della spugna è troppo umido e appiccicoso permettendo lo sviluppo di infezioni come nel caso delle bronchiti.

Quando consumiamo 1 eccessiva quantità di cibi espansivi (prodotti estremamente raffinati, zucchero, frutta tropicale, succhi, caffè, latticini non salati, miele e grandi quantità di liquidi) l’organismo, che non riesce più ad eliminarli 2º le modalità naturali, cercherà delle vie di uscita alternative, e, poiché si tratta di accessi espansivi e leggeri, tenderanno ad andare verso le parti più alte del corpo.

Le strategie per curare questi problemi polmonari con l’alimentazione si focalizzano quindi su come asciugare il corpo e i polmoni in particolare, e su come sciogliere grassi che si sono accumulati nei polmoni, nei bronchi e nei seni nasali.

Non appena si diminuisce notevolmente il consumo di questi cibi, i sintomi tenderanno a migliorare. Con i polmoni spesso 1 buona dose di pazienza e 1 strategia a lungo termine. La guarigione completa infatti si raggiunge in tempi piuttosto lunghi, vista la natura lenta dell’energia del metallo, ma più i polmoni si asciugano e più si riduce la quantità di prodotti in eccesso da eliminare, più la situazione migliora costantemente.

La strategia a lungo termine include anche la consapevolezza che certi cibi considerati “sani” possono anche creare problemi, se consumati in eccesso: ci riferiamo in particolare al sale, alle farine e prodotti da forno. Questi ultimi infatti asciugano molto il corpo creando 1 desiderio di liquidi, di sostanze grasse o dolci.  pane, burro e marmellata è la classica combinazione che mostra questa tendenza. Se provate a mangiare 1 buona quantità di pane, magari quello integrale e pesante e poi cercate di non bere e di non mangiare cibi grassi o dolci per almeno 3 o 4 ore, conoscerete questo aspetto nascosto del pane. Invece, il consumo eccessivo di farine, specialmente di pasta, può favorire la produzione di muco nell’intestino, che facilmente può significare anche muco i polmoni e diventare 1 delle cause della tosse cronica.

RIMEDI

In base a tutto il discorso sulla stretta connessione tra intestino crasso e polmoni, possiamo concludere che i rimedi validi per i problemi intestinali sono preziosi anche per quelle polmonari. Altri rimedi specifici sono quelli che asciugano il corpo come il tè Mu e il riso asciutto e quelli che sciolgono e aiutano ad eliminare gli accumuli di grasso. Le preparazioni che contengono la radice di loto hanno questo effetto  e sono universalmente indicate per problemi di polmoni. Anche la bevanda di kuzu con umeboshi e zenzero è molto utile in caso di bronchite o raffreddori con muco.

[Fonte: Corpo Umano, istruzioni per l'Uso, di Martin Halsey]

//