La forfora consegue un accelerato ricambio delle cellule epidermiche che, a causa dell’aumento di velocità di migrazione, non riescono a raggiungere la completa maturazione prima di distaccarsi. Si formano pertanto delle squame bianche grigiastre (ammassi di cellule cornee), localizzate in chiazze sparse o, più spesso, diffusamente distribuite su tutto il cuoio capelluto.

La forfora insorge normalmente fra i 10 e i 25 anni e migliora spontaneamente verso i 45-55; può tuttavia persistere fino alla vecchiaia. Se ne distinguono 2 tipi:

  1. La forfora secca, caratterizzata generalmente da squame secche, fini e di colore grigio: queste spesso rimangono sulla capigliatura o cadono sugli abiti;
  2. la forfora grassa, legate in genere alla seborrea, caratterizzata da squame grasse e larghe che aderiscono al cuoio capelluto: questa forfora potrebbe essere associata a 1 maggior rischio di caduta dei capelli.

RIMEDI FITOTERAPICI PER LA FORFORA

Se è presente il disturbo della forfora, si consiglia di assumere Juglans regia, macerato glicerico, nella dose di 50 gocce, diluite in poca acqua, 3 volte al giorno, anche per lunghi periodi (sino a 6 mesi consecutivi).

Dopo lo shampoo, è bene usare il seguente decotto di erbe per praticare 1 massaggio direttamente sul cuoio capelluto: far bollire 15 g di foglie di salvia in 1 l di acqua per circa 15 minuti; lasciare riposare per altri 5 minuti, facendolo anche leggermente raffreddare e, infine, utilizzarlo come trattamento contro la forfora.

INTEGRATORI CONTRO LA FORFORA

Complesso vitaminico B, 100 mg 2 volte al dì ai pasti. Rigenera la cute, rinforza i capelli.

Zinco, 1 compressa al giorno. Favorisce la guarigione, rinforza i capelli.

Lecitina, 2 perle al giorno. Protegge il cuoio capelluto, rinforza i capelli.

RIMEDI OMEOPATICI CONTRO LA FORFORA

Il rimedio omeopatico più indicato è Thuia 9CH, nella dose di 3 granuli 4 volte al giorno. Se la forfora è accompagnata da capelli secchi è molto utile invece assumere Allium sativum o Graphites 5CH, nella dose di 3 granuli 3 volte al giorno.

AROMATERAPIA

Miscelare in 1 bottiglietta di vetro scuro di oli essenziali di legno di cedro (7 gocce), cipresso e ginepro (10 gocce di ciascuno), con 50 ml di olio di sesamo. Frizionare sul cuoio capelluto 1 poco di questo composto e lasciate in posa per 1 ora. Applicare quindi 1 shampoo delicato, poi lavate con acqua calda.

Per mantenere la forfora sotto controllo, usate la stessa quantità di oli in 600 ml di acqua calda, mescolare bene e adoperare la miscela per il risciacquo finale. In presenza di prurito, è utile 1 mix di oli essenziali “calmanti”: 5 gocce di olio essenziale di lavanda, 5 di geranio e 2 di sandalo aggiunti a 30 ml di olio di calendula.

CONSIGLI GENERALI

È indicata 1 dieta ricca di frutta e verdura, cereali integrali e germe di grano, oli vegetali e cibi ad alto contenuto proteico. Devono essere evitati: zucchero, prodotti contenenti amidi, alcol e cibi grassi.

//