La gengivite è uno dei disturbi più comuni della bocca: questa vede l’infiammazione delle gengive, con la conseguente ipersensibilità della zona, accompagnata spesso da gonfiore, arrossamento e talvolta anche sanguinamento e alito pesante.

Questa condizione può essere causata da più condizioni: uno su tutti è una igiene orale carente o inesistente, ma può anche essere per via dello stress, della predisposizione genetica e ancora malattie, medicinali e carenze nella propria alimentazione.

In ogni caso, qualora si verifichino i primi sintomi e primi fastidi è bene correre ai ripari cercando di risolvere il problema altrimenti, nel peggiore dei casi, si può rischiare anche di perdere i denti. Per questo motivo si può iniziare ad alleviare il disturbo con dei pratici rimedi naturali.

Gengivite: i rimedi dalla natura

Uno dei primi rimedi efficaci per contrastare la gengivite arriva dall’aloe vera. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e antibatteriche la pianta è utile non solo a curare i sintomi del disturbo come l’infiammazione, ma può anche aiutare ad alleviare l’alito cattivo che in questi casi può causare non pochi problemi alla persona. In questo caso si può usare il gel puro sulla parte lesa massaggiandola delicatamente e poi proseguire con il risciacquo.

Per curare la gengivite si può utilizzare anche un rimedio decisamente casalingo, poiché arriva proprio dalla propria cucina: l’aglio. Sono decisamente note le proprietà antibatteriche di questo e per trovare sollievo – se bene si possa avvertire una sensazione di bruciore –  si può strofinare uno spicchio direttamente sulla gengiva. Altrettanto efficace è anche il chiodo di garofano, che in questo caso andrà però masticato per qualche minuto, ma non è da sottovalutare anche il potere della calendula. Quest’ultima, infatti, è nota soprattutto per le sue proprietà lenitive e antibatteriche che andranno a dare sollievo al disturbo.

Un altro rimedio naturale arriva dal tea tree oil. Questo, particolarmente efficace per alleviare le infiammazioni, non andrà usato puro sulle gengive – tantomeno ingerito – ma comunque diluiti in prodotti specifici come può essere il dentifricio.

In questo caso i rimedi naturali possono essere efficaci anche se utilizzati come collutorio per i risciacqui. Uno tra i primi mix efficaci per contrastare la gengivite vede il succo di limone puro o diluito con un po’ d’acqua. Se bene possa risultare doloroso nel caso in cui l’infiammazione sia particolarmente grave, il limone va a disinfettare la parte interessata e il cavo orale.

Un secondo risciacquo vede l’unione del sale marino da far sciogliere in una tazza di acqua calda. Una volta fatto sciogliere e intiepidire fare i risciacqui, che risulteranno particolarmente efficaci per alleviare il dolore nonché anche le infiammazioni e infezioni.

Altrettanto efficace anche la camomilla. Questa è nota per le sue mille proprietà e utilizzi e per questo motivo in caso di gengivite può essere utilizzata per dei risciacqui lenitivi ma anche antinfiammatori e antisettici. Preparare un risciacquo è semplice perché basterà munirsi di una semplice bustina dell’infuso – oppure due o tre cucchiaini di capolini di camomilla – e immergerlo in una tazza di acqua calda. Dopo averlo lasciato in infusione qualche minuto, lasciare raffreddare il tutto e utilizzarlo almeno un paio di volte al giorno.

Uno dei rimedi più efficaci nonché specifici per contrastare la gengivite è la mirra. Questa può essere utilizzata sotto forma di tintura da diluire in una tazza d’acqua tiepida e utilizzarlo come collutorio per fare dei risciacqui. Da non sottovalutare anche il potere della malva: grazie alle sue proprietà lenitive e calmanti non a caso risulta essere uno dei rimedi naturali più utilizzati in caso di gengive infiammate. Come per la camomilla basterà preparare il classico infuso in una tazza di acqua calda e, una volta filtrato e lasciato intiepidire, procedere con il risciacquo.

Gengivite: alcuni pratici consigli

Uno tra i primi rimedi per curare la gengivite è l’igiene orale. Questa è fondamentale per contrastare tutta una serie di disturbi che colpiscono il cavo orale: in questo caso bisogna prendere l’abitudine di spazzolare i denti almeno due volte al giorno la mattina e la sera ma, se si può, viene consigliato di lavarseli anche dopo ogni pasto. Come dentifricio si può utilizzare uno non troppo aggressivo – magari con ingredienti completamente naturale – e come risciacquo si può utilizzare un collutorio a base di erbe oppure uno dei rimedi naturali sopra citati.

Se si sente un particolare dolore alle gengive è possibile anche cambiare momentaneamente il proprio spazzolino, passando magari da uno medio o duro a uno più morbido. Nel momento in cui il disturbo risulta pressoché sparito, per migliorare ancora di più la propria igiene orale si può utilizzare del filo interdentale da passare tra i denti, specialmente prima di andare a dormire o se ci si lava i denti dopo ogni pasto.

Indubbiamente nel caso in cui il disturbo fosse decisamente grave è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante o comunque una figura competente per ricevere, dopo esami mirati, la giusta diagnosi e quindi il trattamento più adeguato per risolvere il problema prima che sia troppo tardi.