Definita anche “mesenchimopatia”, la cellulite è una malattia a carico del tessuto adiposo sottocutaneo, che va da semplici stati di ritenzione idrica (edema) a fasi gradualmente ingravescenti, fino alla fibrosi e poi allo sclerosi dei tessuti. Gli inestetismi ad essa correlati si localizzano principalmente a livello dei glutei, delle cosce e della radice degli arti e delle spalle, con la cute che di conseguenza assume un aspetto teso e granulomatoso. La sua comparsa può essere legata ad una serie di fattori quali: razza, familiarità, squilibri delle ghiandole endocrine, trattamenti farmacologici, cattiva microcircolazione sanguigna, alterazioni funzionali della colonna vertebrale, atteggiamenti osteomuscolari viziati, turbe digestive (in particolare la stipsi), stress, sedentarietà e cattiva alimentazione.

A seconda della gravità del disturbo, si distinguono tre tipi di cellulite: compatta, flaccida ed edematosa. Il trattamento di questa patologia prevede sia un intervento comportamentale, che prevede uno stile di vita attivo, alimentazione corretta ed un uso di cosmetici appropriati, sia un trattamento terapeutico (mesoterapia, ionoforesi, laserterapia) a cui si associa di frequente l’utilizzo di preparati fitoterapici. Ecco quali sono i rimedi naturali più efficaci per combattere la cellulite.

Alimentazione

La cellulite può essere aggravata da abitudini alimentari scorrette, consigliabile dunque ridurre il consumo di carboidrati raffinati, dolci e alcool, ma anche latticini, farina bianca, grassi saturi derivanti da carne, burro e insaccati, che portano ad un ristagno del sistema linfatico accentuando il senso di pesantezza alle gambe. Via libera invece a frutta e verdura di stagione, pesce, legumi, oli vegetali spremuti a freddo come l’olio extravergine di oliva e quello di lino. Importante poi il ruolo rivestito dalle fibre, che migliorano la funzione intestinale evitando stati di congestione intestinale che sottopongono a pressione gli arti inferiori. Consigliato poi il consumo di cibi brucia grassi, come ananas, spezie, cereali e caffè, in grado di stimolare il metabolismo. Verdure dal gusto amaro quali cicoria, cime di rapa, radicchio e indivia belga offrono invece sostegno al fegato, mentre i frutti di bosco migliorano la circolazione.

Fitoterapia

L’uso della fitoterapia nel trattamento della cellulite comprende l’assunzione di tisane drenanti e diuretiche, l’uso topico di pomate e creme a base di piante con azione vitaminica P (in grado di agire a livello del microcircolo), ma anche l’assunzione di capsule in grado di agire dall’interno. Le piante utili nel  combattere gli inestetismi della cellulite agiscono dunque sulla protezione dei vasi sanguigni e sul miglioramento dell’elasticità delle loro pareti, esercitando al contempo un’azione antinfiammatoria e antiedemigena.

Foglie e corteccia di amamelide (Hamamelis Virginiana): sono utilizzate nei disturbi del sistema circolatorio, dove sia necessaria un’azione astringente;

Foglie di centella (Centella asiatica): favoriscono la corretta circolazione periferica rinforzando ed elasticizzando le pareti dei vasi sanguigni, sono dunque indicate per ridurre la permeabilità capillare e l’edema sottocutaneo.

Gambo d’ananas (Ananas sativus): largamente impiegato per migliorare la circolazione sanguigna e linfatica grazie alla sua capacità di ridurre la vasodilatazione e l’eccessiva permeabilità dei capillari. L’ananas contiene inoltre Bromelina, un enzima proteolitico che riduce le infiammazioni del tessuto muscolare e i dolori localizzati;

Meliloto (Melilotus officinalis): particolarmente indicato nel trattamento dell’insufficienza venosa e linfatica, in presenza di edemi e gonfiori agli arti inferiori, ritenzione idrica, gambe pesanti e cellulite;

Foglie di betulla (Betula Pendula): considerate uno dei rimedi elettivi nella cura della cellulite, stimolano la diuresi e il sistema linfatico, favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso ed aiutando così l’eliminazione e la scomparsa dei noduli fibroconnettivali, caratteristici della cellulite. La linfa estratta da questa pianta contribuisce inoltre ad espellere le tossine accumulate durante il periodo invernale;

Pilosella (Hieracium pilosella): potente diuretico utilizzato nel trattamento degli inestetismi della cellulite, gonfiore alle caviglie, edemi degli arti inferiori e ritenzione idrica specie se conseguente a disordini alimentari o trattamenti farmacologici.

Rosmarino (Rosmarinus officinalis): migliora l’aspetto della pelle, rendendola più tonica ed eliminando i ristagni d’acqua. Stimola inoltre la microcircolazione ed il metabolismo.

Mirtillo Nero (Vaccinium myrtillus): ottimo vaso protettore, agisce normalizzando l’attività della Ghiandola Surrenale, responsabile dell’equilibrio idrico del corpo.

Frassino: le gemme di questa pianta favoriscono la produzione di cortisolo da parte della ghiandola surrenale, pertanto svolgono un ruolo antinfiammatorio.

Castagno (Castanea Vesca): contrasta la cattiva circolazione agendo sia a livello venoso che linfatico, previene inoltre la formazione di radicali liberi e riduce i disturbi della pelle.

Aromaterapia per la cellulite

Per la cura della cellulite vengono impiegati oli essenziali che svolgono un’azione drenante sui ristagni linfatici, stimolando la circolazione periferica. Possono essere utilizzati durante massaggi che stimolino la circolazione periferica e lipolitica, diluiti in olio di mandorle (10 gocce per 100ml di olio), oppure nella vasca per fare bagni tonificanti ad azione anticellulite.

Olio essenziale di betulla: particolarmente indicato in caso di gambe pesanti, gonfiori, edemi e ristagni linfatici, la sua attività diuretica e drenante favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso riducendo la componente dolorosa.

Olio essenziale di limone: è un tonificante del sistema circolatorio; stimola la circolazione linfatica e venosa, rafforza i vasi sanguigni e fluidifica il sangue. Indicato contro disturbi dovuti a cattiva circolazione, come gambe pesanti, edemi, cellulite, vene varicose e fragilità capillare.

Olio essenziale di rosmarino: la sua proprietà lipolitica (sciogli-grasso) fa dell’olio essenziale di rosmarino ingrediente ricorrente di prodotti cosmetici e nei fanghi contro la cellulite e l’adiposità localizzata. Stimola inoltre la circolazione periferica ed agisce come drenante del sistema linfatico.

Olio essenziale di sedano: svolge azione diuretica e stimola la microcircolazione contrastando la stasi venosa e linfatica.