Un ufficio che non produce rifiuti? Si può. Le seguenti indicazioni fanno parte di un piano che era stato preparato per l’ufficio di una grande città con scarsissima raccolta differenziata, popolato da circa 80 persone quasi per nulla sensibili. Insomma, una vera sfida… Ma grazie alle norme sugli acquisti pubblici verdi per un ufficio pubblico ci sono più possibilità di riuscita. La presenza di una mensa rappresenta solo un vantaggio in più. Pronti a scoprire le fasi della trasformazione verso un ufficio a rifiuti zero?

LE ATTREZZATURE

Regola numero 1: usare sempre merci di facile reperibilità. Si usa carta riciclata ecologica per le stampe e toner rigenerati. Ci si dota di tazze in ceramica e bicchieri in vetro (personali o comuni). Serve anche una compostiera sul terrazzo per fare dei residui organici, che andranno a fertilizzare le piante (che ci dovranno essere in abbondanza in ufficio). Il cestino della spazzatura andrà verificato: che cosa c’è dentro e che cosa si può eliminare? Naturalmente andrà fatta la raccolta differenziata della carta nei corridoi e una verifica dell’effettiva raccolta. Ah… anche la carta igienica dovrà essere riciclata.

DOTAZIONI STRUTTURALI

Dotate i bagni di asciugamani con rullo di tessuto lavabile e saponi biodegradabili con distribuzione alla spina dei fornitori. Per gli angoli ristoro, invece degli antiquati distributori di bibite e caffè con i bicchieri usa e getta, usate macchine da caffè del commercio equo, che funzionano anche a tazzine di ceramica, se possibile con cialde compostabili. Se le tubazioni del palazzo sono posto abolite i distributori di bottigliette di acqua; in caso contrario… Abolitele comunque e attrezzate un punto di erogazione dell’acqua di rubinetto micro filtrata, magari anche gasata e fredda. Mettete al bando le macchinette distributrici di bibite multinazionali contenute in alluminio o plastica e, invece, fate un accordo con qualche fornaio per attrezzare un tavolo con biscotti, pane e pizza a prezzo modico, da pagare mediante un salvadanaio (qui il senso di responsabilità è essenziale). Infine create -  se c’è un numero minimo di interessati -  un gruppo di acquisto d’ufficio.

COMPORTAMENTI

Cominciate con un’ assemblea interattiva che getti le basi, verifichi i punti critici eccetera. Bisognerà abituarsi all’uso moderato della carta, alla stampa sulle 2 facciate, e per le fotocopie idem, all’uso del retro dei fogli per gli appunti. Si usano solo tazze e bicchieri di ceramica e ognuno si lava le proprie.

Che ve ne pare? Sareste disposti a proporlo anche per il vostro ufficio?