Rifare il letto poco dopo essersi svegliati e alzati sembra essere una buona abitudine che andrebbe totalmente rivoluzionata. Perché? Perché a dirlo è uno studio della Kingston University, secondo cui rifare il letto poco dopo essersi alzati permetterebbe agli acari della polvere in esso presenti di continuare a vivere (grazie al calore e all’asciutto delle lenzuola), provocando poi, in soggetti predisposti o maggiormente sensibili, i tipici disturbi respiratori.

Per liberarsi dagli acari della polvere che infestano materassi e lenzuola, la soluzione sarebbe proprio quella di non rifare il letto, o almeno, di non rifarlo quando le lenzuola sono ancora calde e umide per avervi dormito su. Come hanno spiegato gli studiosi che hanno compiuto la ricerca alla Kingston University, infatti, lasciare il letto sfatto per tutto il giorno consentirebbe di mandar via l’umidità da lenzuola e materasso, provocando così la disidratazione – e dunque la morte – degli acari della polvere.

Gli acari della polvere, infatti, proliferano proprio grazie al calore e all’umidità mentre tendono a morire in condizioni climatiche più asciutte. Non rifare il letto immediatamente potrebbe dunque diventare una buona abitudine per tutti coloro che soffrono di allergia agli acari della polvere. Senza però dimenticare di mettere in pratica tutte le altre corrette abitudini che permettono poi di scongiurare gli aspetti più negativi di questo tipo di allergia (pulire giornalmente la polvere, evitare moquette, peluche, tende pesanti, aerare spesso gli ambienti…).