Spesso, quando si hanno delle intolleranze o delle allergie alimentari, si deve rinunciare al piacere di alimenti che siamo abituati a mangiare abitualmente, come la pasta e il pane. Vi ho già dato una ricetta, tratta da “Le allergie – Cause, diagnosi e terapie“  (Ed. Tecniche Nuove) del dottor Attilio Speciani, per un sostitutivo del pane (ve ne darò altre più avanti), ma se volete qualche idea per un primo sostanzioso e gustoso, perché non dirottare sul riso? Il riso non ho solo ha delle ottime proprietà curative per la salute, ma è anche una buona alternativa alla pasta, così come lo sono l’orzo o un misto di cereali, lasciando invariati gli ingredienti. Cominciamo con la ricetta del risotto al radicchio, sempre tratta dal ricettario per allergici a cura di Marina Necchi Speciani.

RISOTTO AL RADICCHIO

Questa ricetta non contiene frumento, lieviti, latticini o grassi vegetali idrogenati.

Come si prepara il risotto al radicchio:

Fate appassire una cipolla tritata, con un filo d’acqua se occorre, in un tegame coperto e con la fiamma bassa. A parte, tagliate del radicchio rosso o della trevigiana come se fosse cicoria e mettete a riscaldare il brodo che avrete preparato in precedenza. Continuate aggiungendo il riso (circa due manciate a testa) e fatelo insaporire.

Se non c’è intolleranza ai lieviti, bagnatelo con un po’ di vino bianco, che lascerete evaporare, altrimenti passate alla fase mestolo dopo mestolo di brodo caldo. A metà cottura aggiungete l’insalata e continuate a mescolare, aggiungendo il brodo mano a mano che si asciuga, fino alla cottura desiderata. Condite con olio e un po’ di pepe.

I fortunati che possono utilizzare il formaggio aggiungano del grana, oppure, per cambiare, del taleggio o del gorgonzola, nel caso si desideri un gusto più forte.

Come tocco finale una spolverata di noci rotte a mano.

Buon appetito!