Spesso ci si arrabatta per trovare delle alternative alla pasta di grano o alle farine, e non si pensa a ciò che si ha sotto al naso: le patate costituiscono un ottimo sostituto a pane e pasta, e sono talmente versatili che si possono usare in mille modi. E allora perché non variare con un bel piatto di gnocchi (meglio se fatti in casa) ogni tanto? Gli gnocchi di patate non contengono lievito, latticini né grassi vegetali idrogenati e sono ideali per chi ha delle allergie alimentari.

Ecco come prepararli secondo la ricetta di Marina Necchi Speciani in “Le allergie – Cause, diagnosi e terapie“  (Ed. Tecniche Nuove) dell’allergologo Attilio Speciani.

GNOCCHI DI PATATE

Ingredienti:

  • 1,3 kg di patate
  • 200-300 g di farina
  • sale

Come preparare gli gnocchi di patate:

Lessate le patate (o cuocetele a vapore) facendo attenzione a non romperle. Sbucciatele ancora calde, passatele nel passaverdura fine e impastatele con un po’ di sale. Aggiungete la farina e proseguite facendo dei rotolini di pasta che poi taglierete a misura. Se volete, potete farli passare nell’incavo di una forchetta premendo con il pollice al centro. Cuoceteli in acqua bollente: appena vengono a galla tirateli fuori con la schiumarola.

Il modo di condirli dipende ora dai problemi che avete per esempio con il burro e il formaggio. Si può comunque ripiegare su un bel sugo rosso, oppure su un filo di olio fatto insaporire in un tegamino con qualche foglia di salvia e una spolverata finale di granella di nocciole.

Una vartiante più estiva è quella di mangiarli con pomodorini tagliati a quadratini (o simili) e una salsina di basilico frullato con un po’ di olio e qualche pinolo. Chi vuole può metterci anche un pezzetto d’aglio.

L’ultima scoperta è stata quella di utilizzare il pesto di pistacchi (shop.eurosalus.com).