Se sei aggredito e morso da un animale selvatico e/o domestico in territori a rischio rabbia, segui attentamente queste regole:
• lava subito la ferita per almeno 15 minuti con abbondante acqua e sapone
• vai immediatamente al pronto soccorso per la medicazione e per le cure del caso. Spiega come si è verificato il morso. Il medico, se necessario, somministrerà il trattamento vaccinale antirabbico post contagio
• dopo queste azioni prioritarie per la tua salute, è importante fornire informazioni utili a individuare l’animale – specialmente se domestico – affinché possa essere sottoposto a sorveglianza per 10 giorni dai Servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali, per verificare l’eventuale comparsa dei sintomi della malattia.

CHE FARE SE SI ENTRA IN CONTATTO CON ANIMALI SELVATICI IN ZONE A RISCHIO
Contatta il tuo veterinario ma fai attenzione: quando giungono nelle zone interessate dalla rabbia, gli animali devono essere stati vaccinati da almeno 21 giorni. Inoltre, verifica con il veterinario la corretta copertura vaccinale poiché l’animale potrebbe non essere protetto sufficientemente dall’infezione. Il periodo di validità del vaccino è infatti indicato dalla ditta produttrice.
Durante la permanenza nelle zone a rischio, ricorda che è obbligatorio portare sempre con te il passaporto o il libretto sanitario del tuo animale. La conduzione nei territori a rischio di un animale non vaccinato è sanzionata ai sensi della normativa vigente, ma soprattutto rappresenta un serio pericolo per la salute pubblica.

Per saperne di più…