La quinoa è una pianta erbacea originaria del sud America. Erroneamente considerata un cereale, questa appartiene invece alla famiglia delle Chenopidacee, la stessa di spinaci e barbabietole. Esistono circa 200 diversi tipi di quinoa, tuttavia la  più utilizzata è la quinoa Real, poichè meno ricca di saponine e quindi meno “amara” e più facile da preparare.

Adatta ai celiaci poiché completamente priva di glutine, la quinoa ha ottime proprietà nutritive, dona un buon senso di sazietà e costituisce un alimento incredibilmente versatile. Può essere utilizzata per realizzare zuppe e minestre, ma anche crocchette, polpette e deliziose insalate, da accompagnare a secondi di carne o pesce (Scopri qui le proprietà benefiche della quinoa).

Cucinare la quinoa è inoltre molto semplice: non necessita di ammollo e l’unica accortezza che richiede è di procedere ad un energico risciacquo prima della cottura, così da eliminare ogni possibile residuo di saponina, che può conferire al seme un sapore amaro. Per quanto riguarda invece le dosi, 70 grammi a porzione saranno più che sufficienti, in quanto la quinoa aumenta di 2,5 volte il suo volume a cottura ultimata.

Per preparare la quinoa si procede dunque disponendone la quantità necessaria in un colino e lasciandola un paio di minuti sotto l’acqua corrente. Sarà in seguito possibile versare i semi in una pentole e aggiungervi acqua in quantità doppia (ad esempio, 1 tazza di quinoa e 2 tazze d’acqua). Coprire la pentola con un coperchio e lasciar cuocere a fuoco medio fino a che l’acqua non si sarà riassorbita (circa 15-20 minuti). Lasciar infine riposare il tutto (con coperchio) per circa 10 minuti, così da lasciare il tempo ai semi di gonfiarsi, assorbendo anche l’eventuale acqua rimasta.

In alternativa, è possibile cuocere la quinoa in pentola a pressione: aggiungere acqua o brodo vegetale in quantità doppia rispetto ai semi e lasciar cuocere per circa 10 minuti dal fischio della pentola (20 minuti se si tratta invece di quinoa rossa).