Il Policlinico Gemelli di Roma diventa il primo ospedale italiano a disporre di una sala cinematografica all’interno della propria struttura, affinché il cinema possa diventare un momento di relax e normalità per i propri pazienti e degenti. Cinema come terapia insomma, grazie alla sala MediCinema che è in grado di ospitare fino a centotrenta persone e di accogliere anche i malati che sono costretti a restare a letto oppure che utilizzano sedie a rotelle per muoversi.

La scelta delle pellicole da proiettare nella sala all’interno del Policlinico Gemelli sarà presa da una commissione appositamente creata: si tratta di uno staff formato da psicologi e medici. Non tutti i film, infatti, sono adatti per essere mostrati a persone che potenzialmente stanno soffrendo molto a causa della malattia ed è per questo che la scelta delle pellicole deve essere particolarmente accurata.

Oltre a consentire ai pazienti di avere uno strumento in più per provare maggiore rilassatezza – il cinema, appunto – lo staff medico studierà l’impatto che questa terapia a base di film può avere sui pazienti. Il cinema verrà inoltre impiegato come mezzo per permettere ai malati di socializzare e di scacciare la solitudine dentro cui spesso si rinchiudono.

Cinematerapia, questo è il nome del “trattamento” a base di film che è nata negli Stati Uniti e che per la prima volta giunge anche in Italia, in una struttura ospedaliera importante come il Policlinico Gemelli di Roma.