Abbiamo già parlato dell’aceto: viene prodotto dal vino bianco o rosso in una vasta gamma di qualità. Quello di mele è invece prodotto dal raffinamento del sidro o del mosto di mele attraverso il processo di acidificazione, è spesso venduto non filtrato. Quello più usato per la pulizia è reperibile a basso prezzo, ed è comunque l’aceto di vino bianco.

LE PROPRIETA’ DELL’ACETO

L’aceto è un acido relativamente debole. Questa sua caratteristica può essere impiegata per sciogliere i depositi di calcare (ottimo quindi per pulire i sanitari), per ammorbidire i tessuti nei lavaggi e addolcire i depositi delle acque dure (basta aggiungerne un cucchiaio all’ammorbidente), o ancora per sciogliere ed eliminare l’unto.

Se userete l’aceto di mele eviterete anche un odore sgradevole, diventerà così anche un ottimo deodorante.  Anche se non è un vero disinfettante, l’aceto si oppone alla crescita di molte specie batteriche che non amano l’ambiente acido. L’aceto puro pulisce i vetri dalle strisciate causate dagli insetti e l’odore che permane li terrà lontani dai serramenti.

USI DOMESTICI DELL’ACETO

L’impiego dell’aceto è indicato per:

  • Eliminare l’erba sul vialetto e il passo carraio di casa;
  • Aumentare l’acidità della terra nelle zone con l’acqua dura; è utile aggiungere l’aceto per annaffiare i rododendri, gardenie  e azalee;
  • Impedire un’invasione di formiche, spruzzandolo nelle zone a loro gradite;
  • Lucidare il cromo e l’acciaio;
  • Rimuovere gli odori sgradevoli del cane: basta strofinarlo sul suo pelo e risciacquarlo bene con acqua;
  • Convincere i gatti a non frequentare o affilare le unghie in quei posti da loro tanto amati, ma importante anche per noi: spruzzate l’aceto puro nelle zone da far evitare al gatto;
  • Evitare che le galline si ammazzino fra di loro: mettetene 2 gocce nella loro acqua da bere;
  • Rendere tenera la carne: fatela macerare nell’aceto durante la notte;
  • Lucidare i capelli: aggiungete un cucchiaio di aceto nell’ultima risciacquata;
  • Eliminare odori sgradevoli o macchie indesiderate sulle dita: strofinate le dita con l’aceto;
  • Ravvivare la verdura appassita: lasciatela a bagno in acqua e 1 cucchiaio di aceto;
  • Deodorare o sbloccare lo scarico del lavandino: buttateci l’aceto una volta la settimana;
  • Pulire il frigorifero e la lavastoviglie per togliere i cattivi odori;
  • Sgrassare e togliere l’odore dai piatti: aggiungete 1 cucchiaio di aceto all’acqua e sapone;
  • Far brillare i bicchieri: mettetene un po’ nell’acqua del lavaggio;
  • Togliere le macchie di bruciato dalle pentole: aggiungetene 3 cucchiai nell’acqua e fate bollire finché la macchia non si stacca da sola;
  • Sciogliere la ruggine: lasciate l’oggetto immerso nell’aceto;
  • Togliere macchie grasse dalla pelle scamosciata: strofinate con delicatezza la parte interessata;
  • Rendere più vivace il colore dei tessuti: aggiungetene una tazza nell’ultimo risciacquo;
  • Pulire gli occhiali;
  • Eliminare la puzza di fumo sui vestiti: passate sopra gli indumenti appesi il vapore formato da acqua e aceto;
  • Ravvivare i fiori recisi: mettete 1 cucchiaio di aceto nell’acqua.

RICETTA BASE

Riempite uno spruzzino con ¾ d’acqua calda e ¼ di aceto e usate questa soluzione per pulire i mobili in formica o in laminato; se alla soluzione si aggiungono alcune gocce d’olio essenziale di eucalipto o di menta si può detergere i sanitari lasciando anche un buon odore. Con l’aceto puro si può pulire il frigorifero, da sciacquare poi con acqua e bicarbonato, e far brillare i fornelli in acciaio.