Lo specchio dei tempi che cambiano si riflette anche sulla prova costume. Momento in passato notoriamente conosciuto per essere temuto dalle donne, oggi non sarebbero più queste ultime ad esserne stressate maggiormente bensì gli uomini. È questo, infatti, che è risultato da un test condotto dall’Associazione europea disturbi da attacchi di panico (la Eurodap): su novecento soggetti intervistati – cinquecento donne e quattrocento uomini -, il 60 per cento delle persone di sesso maschile avrebbe affermato di non essere soddisfatto della propria forma fisica e di temere dunque la prova costume. Il 30 per cento avrebbe invece dichiarato di essere soddisfatto ma non del tutto mentre solo il 10 per cento si riterrebbe in pace con se stesso e con la propria forma fisica.

Restando ancora sui dettagli che riguardano gli uomini e la famigerata prova costume, pare che il 50 per cento degli intervistati abbia ammesso di porsi ideali estetici da raggiungere mentre il 30 per cento punterebbe ad ottenere solo miglioramenti. L’80 per cento ammetterebbe però di non far troppo caso all’alimentazione, il 60 per cento di fare costante attività fisica e il 20 per cento di farla saltuariamente.

Il dato più sorprendente riguarda però il fatto che l’80 per cento degli uomini sarebbe molto preoccupato in vista dell’estate e della prova costume e ben il 70 per cento avrebbe alterazioni di umore a causa della forma fisica non impeccabile.

Per quanto riguarda invece l’universo femminile, solo tre donne su dieci sarebbero soddisfatte del proprio corpo e il 70 per cento avrebbe ammesso di temere la prova costume in vista dell’estate. Un risultato sempre molto alto ma certamente più basso rispetto a quello degli uomini.