La lista rossa delle specie in pericolo redatta dalla CN classifica gli animali in 8 categorie a 2ª del grado di pericolo che corrono: le specie più minacciate (per esempio tigre e rinoceronte nero), sono “in pericolo critico”; vengono poi le specie “in pericolo” (per esempio orango), e così via.

LA LISTA ROSSA

La lista rossa delle specie in pericolo viene pubblicata dalla International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources (IUCN). L’ente, fondato nel 1948 dalle Nazioni Unite, svolge 1 serie di attività mirate la salvaguardia del mondo naturale una di queste è appunto la compilazione della lista rossa 1 directory mondiale sullo stato degli organismi viventi del pianeta che riunisce i dati forniti da oltre 10.000 scienziati da ogni parte del mondo.

Dall’attuale lista rossa emerge che le specie in pericolo si concentrano in particolare le regioni del globo. I “luoghi caldi” sono oggi l’Africa orientale, il sud-est asiatico e le regioni tropicali dell’America. 1 dei motivi di questo fenomeno è la straordinaria biodiversità di queste regioni rispetto ad altre latitudini: nelle aree tropicali dell’America si trova, per esempio, 1 ricchissima avifauna. Negli ultimi anni queste donne hanno subito rapidi cambiamenti ambientali, legati soprattutto alla deforestazione e in parte conseguenti al rapido aumento della popolazione umana.