La fitoterapia è una forma terapeutica riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e basata sull’uso delle piante e dei loro derivati. Più precisamente, la Fitoterapia rientra nel vasto campo della medicina cosiddetta “alternativa”, i cui prodotti sono regolamentati dalla legge 2002/46/CE.

Questo tipo di approccio medico si contraddistingue da quello convenzionale per le ridotte controindicazioni legate all’assunzione dei vari preparati; non per questo, tuttavia, la fitoterapia deve essere considerata una pratica sicura e del tutto inoffensiva: al contrario,  le conseguenze di un suo utilizzo arbitrario possono arrecare anche gravi danni alla salute, esattamente come i farmaci impiegati nella medicina tradizionale.

Una nota ufficiale del Ministero della salute mette infatti in guardia contro l’uso non corretto dei prodotti fitoterapici, sottolineando l’importanza di chiedere il parere del medico curante prima di iniziare la terapia, soprattutto per quanto riguarda i bambini da 0 a 3 anni, ai quali non va mai somministrato alcun rimedio che non sia specifico per l’infanzia e autorizzato dal pediatra, e le donne in gravidanza o allattamento. La nota sottolinea inoltre che naturale” non significa “privo di effetti collaterali”. Di conseguenza il Ministero invita ad evitare il fai da te e mette in guardia contro l’utilizzo poco informato dei prodotti fitoterapici.

Sebbene la fitoterapia rappresenti la più antica forma di pratica medica e vanti una storia secolare, non bisogna quindi mai abbassare la guardia: i prodotti fitoterapici sono oggi venduti nell’Unione Europea solo dopo la certificazione sulla loro sicurezza, efficacia e sul controllo di qualità, nonché previa verifica sul confezionamento e sull’etichettatura, così come previsti dal regolamento. La distribuzione è affidata solo a medici e farmacisti qualificati, mentre è compito del Ministero della Sanità effettuare controlli sulla coltivazione e raccolta delle piante destinate a scopi medicamentosi, nonché sulla conservazione e trasporto dei prodotti fitoterapici stessi. Negli ultimi decenni si è tuttavia assistito ad massiccio aumento della richiesta, poiché curarsi con le erbe si è trasformato in una vera e propria moda, lanciando così una vasta rete di distribuzione via internet, dalla quale è sempre meglio diffidare!

Prima di acquistare prodotti fitoterapici assicuriamoci che la loro vendita avvenga nel rispetto della legislazione europea; che l’etichetta contenga il nome botanico della pianta (in latino), seguito dal nome volgare in uso nel paese di appartenenza, quindi il nome del principio attivo e la relativa titolazione espressa in percentuale. Devono poi seguire le indicazioni relative alla quantità sia di estratto che di principio attivo presente (espressa in milligrammi), alla posologia, alla durata, ed al metodo di somministrazione; infine la scadenza del prodotto.

Dopo essersi accertati di aver acquistato un prodotto certificato, e quindi di per sé sicuro, è buona norma leggere il foglietto illustrativo e la lista di tutti gli ingredienti del prodotto, così da escludere possibili reazioni allergiche.

 Altro fattore da tenere sempre in considerazione è la possibile interazione che si può venire a creare tra fitofarmaco e medicinali tradizionali, con i relativi effetti collaterali. E’ quindi sempre buona norma consultare il proprio medico prima di iniziare una qualsiasi terapia a base di prodotti fitoterapici.

Di contro, i benefici riconosciuti ai prodotti naturali sono innumerevoli. Innanzitutto l’uso di fitofarmaci permette di prendersi cura del proprio corpo evitando le controindicazioni legate all’assunzione di sostanze sintetiche. Curarsi in modo naturale, spesso significa inoltre abbracciare, più in generale, abitudini di vita sane, iniziando da un’alimentazione più genuina ed equilibrata ed uno stile di vita atto a prevenire l’insorgenza di numerose malattie, improntato all’attività fisica e ad acquisti consapevoli per quanto riguarda, per esempio, anche i prodotti di bellezza o la pulizia della casa.

Data la ridotta tossicità dei prodotti naturali, la fitoterapia è poi una pratica medica che ben si presta a terapie di lungo corso ed è ottima in combinazione con i comuni farmaci di sintesi, dei quali incrementa l’efficacia, riducendo al contempo gli effetti collaterali. I prodotti fitoterapici sono inoltre utili nella prevenzione di malattie e disturbi ricorrenti, quali allergie stagionali o infezioni alle vie respiratorie e sono ottimi per il trattamento di affezioni di lieve o moderata entità, come insonnia, stress, stitichezza, affaticamento, ecc.