LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione del Prosciutto di Norcia IGP è esclusiva dei comuni di Norcia, Preci, Cascia, Monteleo- ne, Spoleto, Poggiodomo, nei territori posti ad altitudine superiore ai 500 m.s.l., in Umbria.

LE CARATTERISTICHE
Il prodotto deriva dalle cosce dei suini pesanti adulti, esclusi verri e scrofe, provenienti da allevamenti di razze bianche incrociate e selezionate. La salatura è effettuata in due tempi utilizzando sale marino di grana media. Le cosce sono inizialmente preparate mediante la spremitura dei vasi sanguigni e poi strofinate con sale umido e sale a secco. Dopo un periodo di 7 giorni, si procede alla dissalatura, al lavaggio e ad una nuova spremitura dei vasi sanguigni. La seconda salatura dura 14 – 18 giorni. Successivamente la cosce sono dissalate e poste a riposo per un periodo di 2-5 mesi. Il periodo di stagionatura, dalla salagione alla commercializzazione, non può essere inferiore ai dodici mesi. Il prodotto si presenta con la caratteristica forma a pera, di peso non inferiore agli 8,5 kg e con un aspetto al taglio compatto di colore dal rosato al rosso. Il profumo è tipico e leggermente speziato, il sapore sapido ma non salato.

COME SI DISTINGUE
Il prodotto si riconosce per la presenza di un contrassegno a fuoco in cui compare la scritta Prosciutto di Norcia. In etichetta è presente l’indicazione Prosciutto di Norcia seguita dalla menzione Indicazione Geografica Protetta (IGP).

DOVE SI ACQUISTA
Il prodotto è reperibile nella zona di produzione principalmente attraverso la distribuzione organizzata e la vendita al dettaglio. In minima parte è presente anche sui mercati esteri.

Denominazione registrata il 12 giugno 1997.