LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione della Castagna di Cuneo comprende parte del territorio della provincia di Cuneo, in Piemonte.

LE CARATTERISTICHE
La Castagna di Cuneo si distingue per il sapore dolce e delicato e per la croccantezza del frutto che la rendono adatta al consumo sia come prodotto fresco che trasformato. Il prodotto fresco presenta le seguenti caratteristiche: colorazione esterna della buccia da marrone chiaro a bruno scuro; frutto da giallo a marrone chiaro, consistenza tendenzialmente croccante. L’omogeneità è garantita dal fatto che la differenza di peso tra i dieci frutti più piccoli e i dieci frutti più grossi in uno stesso imballaggio non supera gli 80 g. Non sono ammessi difetti interni o esterni (frutto spaccato, bacato, ammuffito, vermicato) su più del 10% dei frutti. Le castagne essiccate si presentano intere, sane e di colore paglierino chiaro e hanno un tasso di umidità non superiore al 15%. Non sono ammessi difetti (tracce di bacatura, deformazione, rotture, frutti con tracce di pericarpo, ecc.) su più del 10% dei frutti secchi.

COME SI DISTINGUE
Il prodotto fresco è commercializzato confezionato in cassette di legno o di materiale plastico di peso compreso tra 0,10 e 30 kg, mentre il prodotto secco in confezioni a sacco della medesima quantità. Sulle confezioni sono presenti, oltre alle indicazioni Castagna di Cuneo – Indicazione Geografica Protetta, il logo della denominazione e il simbolo comunitario. Il logo è caratterizzato dalla sagoma di una castagna leggermente inclinata sul lato destro, dalla scritta “castagna” sul profilo sinistro e, sulla base del frutto, da una foglia di castagno recante al suo interno la scritta “Cuneo”.

DOVE SI ACQUISTA
La distribuzione del prodotto avviene in Piemonte, attraverso la vendita diretta e al dettaglio e, sul territorio nazionale, attraverso la distribuzione organizzata.
Denominazione registrata il 12 settembre 2007.