LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione della carota dell’Altopiano del Fucino comprende il territorio dei comuni di Avezzano e frazioni, Celano e frazioni, Cerchio, Aielli, Collarmele, Pescina e frazioni, San Benedetto dei Marsi, Gioia dei Marsi e frazioni, Lecce nei Marsi, Ortucchio, Trasacco, Luco Dei Marsi, tutti ubicati nella provincia di L’Aquila, in Abruzzo.

LE CARATTERISTICHE
La denominazione Carota dell’Altopiano del Fucino è riservata alle carote della specie “Daucus carota L.”, derivanti dalle seguenti varietà: Maestro (Vilmorin), Presto (Vilmorin), Concerto (Vilmorin), Napoli (Bejo), Nándor (Clause), Dordogne (SG). La Carota dell’Altopiano del Fucino all’atto dell’immissione al consumo presenta le seguenti caratteristiche: forma cilindrica con punta arrotondata, assenza di peli radicali; colore uniforme arancio intenso; polpa croccante e vitrea alla rottura. Contenuto di saccarosio > 3%; contenuto di beta carotene > 100 mg/kg; contenuto di proteine > 1,2%; fibra > 1,2%. Per tutte le varietà la categoria commerciale deve essere Extra e I.
COME SI DISTINGUE
Il prodotto è posto in vendita in appositi imballaggi, realizzati in legno, cartone o plastica, contraddistinti da apposita etichetta riportante le indicazioni Carota dell’Altopiano del Fucino seguita dalla menzione Indicazione Geografica Protetta (IGP), dal logo della denominazione e dal simbolo comunitario. I prodotti per la cui elaborazione è utilizzata come materia prima la Carota dell’Altopiano del Fucino, anche a seguito di processi di elaborazione e di trasformazione, sono immessi al consumo in confezioni recanti il riferimento a detta denominazione, senza l’appo- sizione del simbolo comunitario.

DOVE SI ACQUISTA
La distribuzione del prodotto avviene prevalentemente nella regione Abruzzo e in parte nel territorio nazionale, attraverso la vendita al dettaglio o tramite la distribuzione organizzata.

Denominazione registrata il 15 febbraio 2007.