LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione e di confezionamento del Basilico Genovese è limitata al versante tirrenico della regione Liguria, nelle province di Genova, Imperia, Savona e La Spezia.

LE CARATTERISTICHE
Il Basilico Genovese è commercializzato in piantine che presentano le seguenti caratteristiche: altezza da media a molto alta, portamento espanso o cilindrico, densità del fogliame da medio-bassa a medio-alta, foglie di colore verde intenso e forma ellittica. Il profumo è intenso, con assenza totale di aroma di menta. Il confezionamento avviene nella stessa zona di produzione per preservare le caratteristiche qualitative del prodotto, facilmente deteriorabile. La produzione avviene durante tutto l’anno.

COME SI DISTINGUE
Il prodotto è commercializzato in due tipologie di mazzi: mazzo piccolo o “mazzetto” e mazzo grande o “bouquet”. Il mazzetto è composto da 3 a 10 piantine intere complete di radici. Il bouquet è composto da un minimo di 30 a un massimo di 100 piantine. Non è importante il peso del prodotto bensì il numero delle piantine. I mazzi sono avvolti con carta per alimenti contrassegnata dall’indicazione Basilico Genovese DOP, seguita dal logo della denominazione che raffigura la regione Liguria con quattro foglie di basilico stilizzate e dal simbolo comunitario.

DOVE SI ACQUISTA
Il prodotto fresco è distribuito principalmente in Liguria, in particolare nella zona di produzione. Il prodotto è reperibile su tutto il territorio nazionale attraverso la vendita diretta e/o al dettaglio presso la distribuzione organizzata.

Denominazione registrata il 4 ottobre 2005.