LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione dell’Asparago Verde di Altedo comprende diversi comuni ricadenti nelle province di Ferrara e di Bologna, in Emilia-Romagna.

LE CARATTERISTICHE
Le cultivar idonee alla produzione dell’Asparago verde di Altedo sono le seguenti: “Precoce D’argenteuil”, “Eros”, “Marte”, “Ringo”. Sono presenti anche altre cultivar fino a un massimo del 20%. L’immissione al consumo avviene solo per le categorie extra e I. Il prodotto si distingue per i turioni (ovvero i germogli carnosi della pianta) interi, freschi di aspetto, sani, esenti da attacchi di roditori e di insetti, puliti e privi di terra. Essi, inoltre, non devono essere vuoti, spaccati, pelati, spezzati. Limitatamente alla categoria I, i turioni possono essere lievemente incurvati.

COME SI DISTINGUE
Il prodotto è immesso al consumo confezionato in mazzi di peso compreso tra i 250 gr e i 3 kg opportunamente legati. Sono fasciati alla base con fazzoletti di materiale idoneo all’uso alimentare. Sulle confezioni di vendita è riportata l’indicazione Asparago Verde di Altedo, seguita dalla menzione Indicazione Geografica Protetta (IGP), il simbolo comunitario e il logo della denominazione raffigurante una ruota dentata blu con lo sfondo giallo ed al centro un mazzo di asparagi.

DOVE SI ACQUISTA
Il prodotto è distribuito prevalentemente nella regione Emilia-Romagna, attraverso la distribuzione organizzata, vendita diretta e al dettaglio.