LA ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione delle Amarene brusche di Modena IGP comprende alcuni comuni delle province di Modena e Bologna, in Emilia-Romagna.

LE CARATTERISTICHE
La confettura di Amarene brusche di Modena si ottiene dalla lavorazione delle seguenti varietà di ciliegio acido coltivate nel territorio di produzione: Amarena di Castelvetro, Amarena di Vignola dal peduncolo corto, Amarena di Vignola dal peduncolo lungo, Amarena di Montagna, Amarena di Salvaterra, Marasca di Vigo, Meteor, Mountmorency, Pandy. Le diverse fasi di lavorazione avvengono nella zona di produzione sopra descritta per evitare la perdita delle peculiari caratteristiche organolettiche. Non è ammessa l’aggiunta di zuccheri diversi dal saccarosio. Il prodotto si caratterizza per la consistenza morbida e il colore rosso-bruno intenso con riflessi scuri; il sapore presenta un buon equilibrio fra il dolce e l’asprigno con sensazione di acidità. La confettura ha una percentuale minima di zucchero del 60% e un contenuto di frutta fresca pari al 70%.

COME SI DISTINGUE
Il prodotto è confezionato in contenitori di vetro o di banda stagnata aventi le capacità di 15 ml, 212 ml, 228 ml, 236 ml, 314 ml, 370 ml, 2.650 ml e 5.000 ml. La confezione reca in etichetta il simbolo comunitario, l’indicazione Amarene brusche di Modena seguita dalla menzione Indicazione Geografica Protetta (IGP), in acronimo o per esteso, e il logo della denominazione. Il produttore ha facoltà di indicare in etichetta i riferimenti alla varietà della pianta da cui proviene il frutto, l’annata di produzione, nonché il metodo di trasformazione impiegato.

DOVE SI ACQUISTA
Il prodotto è distribuito nelle province di Modena e Bologna e nelle zone limitrofe attraverso la vendita diretta e/o al dettaglio.

Denominazione registrata il 29 ottobre 2009.