I primi piatti vegetariani al contrario di quello che si può comunemente pensare possono essere davvero gustosi.  Oltre a soddisfare il palato sono spesso molto più sani rispetto i primi piatti che si mangiano abitualmente, che talvolta sono troppo ricchi di olio e grassi vari, elementi che, col passare del tempo, danneggiano il fegato, sopratutto se assunti in quantità esagerate.

Spesso però non si hanno idee o non si riesce a trovare una ricetta vegetariana sfiziosa ma in realtà esistono tantissime pietanze, molto facili anche da preparare.

Una tra le ricette più comuni sono le bavette al pesto con patate e fagiolini, pronte in meno di mezz’ora. Per prepararle occorrono 400 grammi di bavette, circa 200 grammi di fagiolini, due patate lesse e quattro porzioni di pesto (queste sono le dosi indicative per quattro persone).

Il procedimento è molto semplice: si dovranno mettere a bollire i fagiolini in un pentolone con acqua salata fino a renderli croccanti, né troppo cotti, né troppo crudi. A quel punto bisognerà scolarli e tagliarli in parti uguali a piacimento.

Le patate invece dovranno essere sbucciate e tagliate a quadretti di dimensioni medie, e poi lasciate cuocere per qualche minuto, aggiungendo in seguito le bavette una volta che l’acqua inizia a bollire.

Mentre la pasta e le patate cuociono, in una ciotola separata si dovranno mettere il pesto, l’olio ed i fagiolini, aggiungendo dell’acqua di cottura in maniera tale che il composto diventi omogeneo: poi, i quattro ingredienti dovranno esser mescolati con delicatezza, in maniera tale da evitare di spappolare le verdure.

Successivamente si dovranno aggiungere al composto le patate e la pasta ben scolate. Mescolato il tutto si può servire il piatto accompagnandolo con qualche foglia di basilico.

photo credit: avlxyz via photopin cc