La prevenzione contro i tumori parte prima di tutto dal modo in cui ci occupiamo di eventuali segnali che il corpo ci lancia. Spesso si tratta di comuni disturbi che si prolungano nel corso del tempo e che proprio per questo smettono di essere comuni e necessiterebbero di essere approfonditi di più, per cercare le cause ed eventualmente sottoporsi ad un trattamento medico.

A tal proposito, l’American Cancer Society ha stilato una lista di sintomi che dovrebbero far scattare il campanello di allarme perché in alcuni casi potrebbero essere il sintomo di tumori. Si tratta soprattutto di:

  1.  senso di spossatezza persistente, soprattutto quando per lungo tempo non si riesce a trovare ristoro nel sonno oppure si ha sempre necessità di dormire, pur non avendo effettuato attività stancanti;
  2. perdita di peso inspiegabile e non dovuta ad una dieta;
  3. dolori prolungati, che non passano neppure con i farmaci;
  4. rigonfiamenti della pelle, presenti soprattutto nei tessuti moli del corpo e che sarebbe sempre bene far controllare;
  5. nei che cambiano forma e colore e che potrebbero essere sintomo di melanoma, il tumore della pelle;
  6. problemi urinari, come dolore durante la minzione o continua necessità di andare in bagno;
  7. problemi intestinali frequenti, come diarrea o presenza di sangue nelle feci;
  8. febbre prolungata, che tende a non scomparire;
  9. tosse o raucedine insistenti, che potrebbero essere i sintomi di tumori al polmone, alla laringe o alla tiroide;
  10. macchie bianche in bocca o sulla lingua, tipiche della leucoplachia, una situazione precancerosa in genere provocata dal fumo o dall’uso di tabacco.