Prevenire l’ictus si può, mangiando un uovo al giorno. È questo l’esito di una ricerca condotta presso l’EpidStat Institute di Ann Arbor (nel Michigan, Stati Uniti) secondo cui il consumo delle uova (ne basta uno al giorno) potrebbe comportare un abbassamento del 12 per cento del rischio di avere un ictus. Gli effetti benefici delle uova si ottengono, ovviamente, non esagerando nell’abuso di consumo. Che questo alimento sia sano e nutriente, d’altra parte, non è più un mistero da diverso tempo ormai (è ricco di proteine e sali minerali).

Mangiare un uovo al giorno consentirebbe di far abbassare il rischio di avere un episodio di ictus e non comporterebbe rischi negativi sulla salute, anche se i ricercatori non sarebbero ancora del tutto sicuri in merito a quale sia il meccanismo che lega il consumo di uova e la prevenzione dell’ictus. Di certo si sa che questo alimento è ricco di sostanze antiossidanti (in particolare luteina e zeaxantina), in grado di ridurre anche stress, ipertensione e stati di infiammazione ma anche di vitamine e di uno scarso apporto di grassi.

Uno dei pochi aspetti da tenere sotto controllo quando si parla di consumo abituale di uova sembra essere quello legato alla presenza di elevate quantità di colesterolo. Si calcola che per ogni duecento milligrammi di uovo il 5 per cento sia rappresentato proprio dal colesterolo. Un dato che costringe chi soffre di valori alti nel sangue di tale parametro – ma anche chi lo ha regolare – a prestare molta attenzione.

Un discorso a parte merita anche la presenza delle lecitine all’interno delle uova. Queste svolgono una doppia importante funzione: la prima riguarda il trasporto inverso del colesterolo dalle arterie al fegato (attività che tra l’altro potenzia il colesterolo cosiddetto buono, quello indicato con la sigla Hdl); la seconda riguarda invece il potenziamento delle attività cerebrali e dei processi digestivi dell’alimento stesso.