La pressione arteriosa è la forza con cui il cuore spinge avanti nelle arterie i circa 5 litri di sangue circolanti nel nostro organismo. Questa forza è detta pressione sistolica o massima, che non deve superare il valore di 130 mmHg. Spinto dal cuore, il sangue percorre così tutto il sistema vascolare delle arterie che riducono il loro diametro man mano che si spostano verso la periferia del corpo fino ad arrivare al vasto letto vascolare dei capillari, che in tutto l’organismo è costituito da circa 7 mila metri quadrati!

La resistenza che incontra nel viaggiare attraverso i tubi arteriosi, che riducono in modo progressivo il loro diametro, è detta pressione arteriosa diastolica o minima e non deve superare il valore di 90 mmHg. A questo punto il sangue, superato il grande letto dei capillari, viene convogliato nelle vene per ritornare al cuore, dopo un viaggio di circa 96.000 km.

Ecco perché parliamo di “circolazione”: perché il sangue parte da un punto, il cuore, e ritorna nello stesso punto di partenza.

LA CIRCOLAZIONE SANGUIGNA

La circolazione del sangue ha lo scopo principale di rifornire di tutti i nutrienti, di acqua e di ossigeno le 100 mila miliardi di cellule che costituiscono il nostro organismo. Questo vitale sistema vascolare regolato dalla pompa cuore ha valori pressori variabili da persona a persona: sale nei momenti di paura, rabbia e stress, durante i pasti, con lo sforzo fisico, quando siamo preoccupati; scende nel sonno, quando facciamo un bagno caldo o leggiamo un libro divertente, quando viviamo un’esperienza serena e felice, davanti a un paesaggio o un’opera d’arte.

LA PRESSIONE SANGUIGNA

Più alta è la pressione del sangue, più il cuore degenera e più aumenta il battito cardiaco. I sintomi di pressione arteriosa elevata possono presentarsi in tutto il corpo con nausee, cefalee, insonnia, stanchezza, difficoltà a respirare, agitazione e instabilità emotiva. Negli stati più avanzati della malattia si possono riscontrare gravi danni renali, cardiaci e/o cerebrali. Valori elevati di pressione arteriosa costituiscono una grave patologia invalidante l’integrità e funzionalità del cuore, rene, occhio, cervello e le pareti delle arterie in particolare.

CONOSCERE E PREVENIRE

Tuttavia, nonostante l’intensa campagna di informazione, la percezione del problema “ipertensione” non è ancora ottimale. Mentre la consapevolezza di cosa vuol dire avere la pressione alta ha raggiunto percentuali discrete, il controllo pressorio non è ancora soddisfacente. Il programma biologico per un controllo naturale nella pressione arteriosa si basa su due punti:

  1. Conoscere il proprio corpo
  2. Scegliere il cibo più indicato al proprio corpo.