Si parla di ipertensione quando la pressione arteriosa minima supera costantemente il valore di 90 mmHg, mentre la pressione massima risulta stabile oltre i 140 mmHg. Accanto a specifiche patologie, numerosi sono i fattori in grado di causare l’innalzamento della pressione, tra cui l’abuso di sale, fumo e alcol, il consumo di liquirizia, l’assunzione di determinati farmaci, abitudini sedentarie o, al contrario, una vita eccessivamente frenetica, scorrette abitudini alimentari, forti stress emotivi, ansie e preoccupazioni. Per scongiurando il rischio di malattie cardiovascolari associate al disturbo, è dunque bene procedere a frequenti misurazioni della pressione ed intervenire prima che il problema si aggravi.

Oltre all’assunzione di specifici farmaci, per tenere a bada la pressione alta è possibile agire modificando lo stile di vita cui siamo abituati e ricorrendo ai tanti rimedi che madre natura mette a nostra disposizione.

In caso di pressione alta, certamente l’alimentazione gioca un ruolo chiave: è importante ridurre il consumo di alimenti come sale, formaggi stagionati, salumi, acciughe, alici e sardine, dadi da brodo, latte, yogurt,  burro, carne ed alimenti ricchi di glutine. Consigliati sono invece cereali integrali, legumi, frutta e verdura di stagione, orzo, farro, riso e miglio. Da evitare sono poi bevande quali caffè, tè, guaranà, bibite energizzanti ed alcolici. Oltre a seguire un’alimentazione bilanciata, è poi importante svolgere regolarmente attività fisica e imparare a tenere sotto controllo ansie e nervosismi.

Tra i rimedi naturali utili a contrastare la pressione alta si segnalano invece:

  • AGLIO: agisce da ipotensivo ed è efficace nel regolarizzare la pressione arteriosa e previene la formazione di placche aterosclerotiche;
  • VISCHIO: uno dei rimedi più apprezzati in caso di pressione alta, agisce come regolatore del sistema cardio-circolatorio e come coadiuvante in caso di aterosclerosi e angina pectoris;
  • TIGLIO: altro ottimo vasodilatatore e ipotensore; è possibile godere dei suoi benefici attraverso un semplice infuso (una manciata di fiori di tiglio in mezzo litro di acqua bollente, da lasciare in infusione per 15 minuti);
  • BIANCOSPINO: agisce regolarizzando il ritmo e la frequenza del battito cardiaco; particolarmente indicato in pazienti molto nervosi e negli stati di ansia, agitazione e angoscia (un cucchiaio di fiori secchi in 200 ml di acqua bollente, da lasciare in infusione per 15 minuti);
  • GINKO BILOBA: efficace ipotensore, è apprezzato anche per l’azione antiossidante e capillaroprotrettice;
  • KARKADE’ (fiori di ibisco): aiuta a riportare i valori della pressione ai livelli ottimali, prevenendo stadi ipertensivi gravi.

Possono inoltre risultare utili l’olio essenziale di ylang-ylang, dalle spiccate proprietà ipotensive ed in grado di attenuare i disturbi correlati allo stress, come aritmie, palpitazioni e tachicardia, e l’olio essenziale di lavanda, dall’azione calmante e riequilibrante del sistema nervoso centrale.