Il limone è una pianta con forte tendenza vegetativa. Se non si interviene con regolari interventi di potatura, la pianta tenderà dunque a svilupparsi velocemente, a discapito della fruttificazione.

Per mantenere la pianta forte e ottenere frutti grandi e succosi, la prima operazione da compiere è l’eliminazione dei rami secchi e danneggiati; quindi si procede sfoltendo la chioma nella parte centrale, così da permettere la circolazione dell’aria e un buon irraggiamento. Fondamentale è poi eliminare i polloni presenti alla base del tronco, in quanto sottraggono energia alla pianta, indebolendola. Stesso discorso vale per i cosiddetti succhioni, facilmente identificabili poiché caratterizzati da crescita verticale, priva di ramificazioni secondarie e corteccia di colore più chiaro rispetto a quella dei rami fruttiferi.

Per quanto riguarda poi le piante di limone in vaso, particolare attenzione va posta alla forma, che deve risultare armonica. Scopo della potatura è inoltre evitare che la pianta cresca in maniera eccessiva rispetto alle dimensioni del vaso. Ciò detto, le modalità di potatura rimangono le stesse dei normali limoni: una volta eliminati i rami che deturpano la forma della pianta (mantenendo un massimo di 5 rami principali), effettuare tagli di arieggiamento della chioma, eliminare i rami secchi o danneggiati e prestare attenzione alla spollonatura. Per evitare una crescita eccessiva è inoltre possibile accorciare i rami produttivi, operando preferibilmente su quelli più maturi, che cresceranno così più spessi e più robusti.

Sia per le piante di limone in vaso che quelle in piena terra, si raccomanda di intervenire con attrezzi specifici per potatura (forbici da giardinaggio, cesoie o segaccio) da mantenere sempre puliti e disinfettati. Le ferite andranno inoltre coperte con del mastice per potatura (facilmente reperibile nei vivai) in modo da evitare la comparsa di parassiti e malattie.

Per quanto riguarda infine il periodo di potatura, si consiglia di intervenire quando il clima è più mite, evitando le stagioni eccessivamente calde o fredde. La questione del periodo di potatura del limone è comunque molto dibattuta, in quanto, in base alle varietà, le piante possono avere una singola fioritura o più fioriture. Generalmente, è tuttavia consigliabile potare nella stagione autunnale, intervenendo tra settembre e ottobre, quando le temperature iniziano a calare, ma le gelate sono ancora lontane, mentre i succhioni possono essere eliminati in qualsiasi momento dell’anno. Consigliabile è anche astenersi dall’effettuare potature drastiche, limitandosi a regolari interventi di pulizia e arieggiamento, eliminando i rami improduttivi, secchi o danneggiati.