Fast food: diciamo la verità, se pensiamo agli Stati Uniti questa è una delle prime cose ci vengono in mente se parliamo di cibo, molte volte anche pensando alla nazione in generale.

Il junk food, o cibo spazzatura, è all’ordine del giorno per gran parte della popolazione americana, che di “ordine” alimentare probabilmente conosce ben poco. Con gli anni e svariate campagne di sensibilizzazione portate avanti anche dalla stessa First Lady Michelle Obama, però, lo stato si sta impegnando a risolvere quella che pare essere una delle più grandi piaghe sociali: l’obesità.

Nonostante queste, però, secondo il sito di statistiche del Wall Street Journal, graphic.wjs.com, gli USA risultano ancora il paese più grasso al mondo con una percentuale di obesità pari al 27,8% su più di 300 milioni di abitanti.

Agghiacciante, ma a darle testa ci pensa un paese confinante: il Messico. Nel 2013, il paese era al primo posto dove per 112 milioni di abitanti la percentuale di popolazione obesa era pari al 32,8%, e ogni anno per questo problema morirebbero più di 70 mila persone, per non contare che la popolazione anziana e bambini per il 70% soffrono di obesità.

Un tête-à-tête tra i due paesi che va avanti ormai da anni, lasciando indietro altri paesi come Argentina, Croazia, Grecia, Ecuador, Inghilterra e Germania, tutti con una percentuale di obesità entro il 20/25%.

popolo più ciccione del mondo

Leggi anche:

Bambini obesi: quelli con genitori autoritari sono più a rischio

Obesità, dormi che ti passa: numerosi studi indicano una relazione tra carenza di sonno e sovrappeso


photo credit: Kyle May via photopin cc