Ebbene, ce li abbiamo ovunque e fanno più rabbia che altro. Il rame, i ramini, sì, insomma… quei centesimi di euro che non servono assolutamente più a niente (almeno non per comprarci qualcosa) e che intasano le nostre tasche o pesanti salvadanai che alla fine risultano contenere poco valore. Il classico esempio della poca resa e tanto peso. Per non parlare delle allergie che procurano al contatto con la pelle, sia quando li tenete in mano che quando ve li dimenticate sventuratamente nelle tasche dei pantaloni…

Che farne? Beh, quasù in Inghilterra qualcuno ha pensato bene di riutilizzare i pence per farci delle coperture originali per il pavimento: esistono delle resine apposite che li lucidano e li fanno risultare veramente belli con l’effetto mosaico… ma naturalmente ci sono due dettagli non indifferenti che non faranno diffondere molto questa moda: primo, sono esagonali; secondo, ci vuole veramente tanta pazienza.

C’è però un altro impiego un po’ più semplice ed afficace per utilizzare i vostri cent, che vengono buoni, udite udite, per il giardinaggio. Se amate tenere in casa dei fiori recisi, vi basterà mettere sul fondo del vaso un po’ di ramini e coprirli con dello zucchero perché i vostri fiori durino più a lungo e in tutto splendore. Beh, non sarà di certo in cima ai vostri pensieri, ma almeno servono a qualcosa…