La pillola del giorno dopo è uno degli strumenti limite che le donne utilizzano quando vogliono evitare una gravidanza indesiderata e non hanno preso le giuste precauzioni al momento dell’atto sessuale.

Come detto, appunto, uno strumento che dovrebbe essere utilizzato solo in caso di reale emergenza, ma, secondo il rapporto presentato ad un congresso di ginecologia a Taormina organizzato dalla Sic (Società Italiana della Contraccezione) e dalla Fiss (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), le vendite della pillola del giorno in estate ha un aumento esponenziale.

Lo scorso anno ad agosto sono state vendute 34000 mila confezioni di pillole, pari ad un aumento del 12% rispetto ai mesi precedenti.

I ginecologi mettono in guardia su questo fenomeno andando oltre le questioni di coscienza. Infatti, a questo aumento della contraccezione di emergenza si associa un notevole aumento di consulti dal ginecologo per questioni riguardanti le infezioni e le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze indesiderate. Anche perché, a lungo andare, un uso sconsiderato della pillola del giorno dopo può portare a complicazioni anche serie.

Si tratta di un problema molto grande e i ginecologi esortano le donne a non trascurare la contraccezione normale, dalla pillola al preservativo, che devono sempre essere utilizzate, a maggior ragione in vacanza quando gli incontri occasionali sono più frequenti.