Il vantaggio di coltivare piante rampicante sempreverdi in casa si deve soprattutto al loro fogliame, che resta rigoglioso ed abbondante per tutto l’anno. Questo tipo di piante si possono coltivare come ricadenti, posizionandole su mensole e scaffali, o in panieri appesi, oppure fissando i loro lunghi steli a tutori inseriti nei vasi, così che abbiano un sostegno a cui avvilupparsi. Generalmente si utilizzano tubi in plastica, rivestiti di muschio o schiuma, mentre per favorire lo sviluppo verticale si legano alcuni rami alla base del tutore servendosi di cavallotti metallici o rafia. Importante però è assicurarsi di non effettuare legature troppo strette, che tenderebbero a soffocare il ramo, provocandone il disseccamento.

Si tratta solitamente di piante molto vigorose e difficilmente soggette a malattie, che inoltre offrono il vantaggio di poter intervenire a piacimento sui loro lunghi rami, poiché potando qua e la si induce la pianta a sviluppare nuove ramificazioni. Le più diffuse piante rampicanti sempreverdi da appartamento sono:

Potos: in assoluto una delle più tipiche piante da appartamento (il cui nome latino è Scindapsus, o epipremnum). E’ una pianta erbacea rampicante o prostrata, originaria delle isole del Pacifico e di facile coltivazione.  Resiste infatti a condizioni ambientali che si dimostrerebbero fatali per molte altre piante: non la spaventa né polvere, né caldo secco, mancanza di luce e neppure prolungati periodi di siccità. Ma oltre all’impressionante resistenza, la pianta è molto apprezzata anche per la bellezza del suo fogliame brillante. I potos presentano infatti grandi foglie ovali o cuoriformi, lucide, leggermente cerose, spesse e rigide, che si sviluppano su lunghi rami volubili, da cui spuntano radici aeree che permettono alla pianta di abbarbicarsi su qualsiasi sostegno.

Edera: al genere appartengono numerose specie di arbusti rampicanti sempreverdi, diffusi soprattutto nelle zone temperate. L’Edera presenta fusti sottili e flessibili, che divengono legnosi con il passare degli anni e provvisti di piccole radici, in grado di aggrapparsi a qualsiasi supporto. Le dimensioni delle foglie cambiano in base alle varietà, ma sono in genere lucide e portate da un lungo picciolo; dal colore variabile  dal verde scuro, al verde chiarissimo. Esistono poi varietà a foglia variegata gialla o bianca, decisamente ornamentali.

Ficus pumila: ideale per supporti pensili, perché caratterizzata da numerosi fusti ramificati, vistose radici aeree e foglioline a forma di cuore di un bel verde brillante. Alcune specie possono poi avere foglie orlate di bianco o di tonalità beige. Ama ambienti luminosi e teme particolarmente i ristagni idrici, ma ricambierà le nostre cure neutralizzando la temuta formaldeide.

Helexine: pianta rampicante perenne estremamente decorativa. E’ caratterizzata da fusti prostrati o ricadenti e da foglie di piccole dimensioni, di colore verde lucido, argenteo o giallognolo. Ama zone luminose, un terreno sciolto e ben drenato ed innaffiature regolari, ma non troppo abbondanti.

Filodendro e Monstera: la famiglia comprende circa 50 specie di piante rampicanti sempreverdi, con fusti provvisti di nodi, dai quali prendono origine radici aeree che si fissano al supporto su cui si sviluppano. La più diffusa è la Monstera deliciosa, meglio nota con il nome di filodendro (Philodendron).