Se si desidera un balcone fiorito, ma non si dispone di molto tempo da dedicare alla manutenzione e/o sostituzione delle piante al variare delle stagioni, è possibile orientarsi sulle piante da balcone resistenti. In questo folto gruppo rientrano tutte quelle piante così dette “perenni”, ovvero che vivono più anni, ivi comprese quelle che rinnovano il fusto, ma mantengono le stesse radici, come i ciclamini. Generalmente queste piante non richiedono particolari cure, sarà sufficiente posizionarle in un luogo dove possano crescere indisturbate e procedere, se necessario, alla loro potatura. La fioritura delle piante perenni avviene solitamente in primavera/estate, tuttavia sono piante che non temono particolarmente il freddo, quindi anche in inverno possono essere lasciate all’aperto e donare un po’ di colore ai nostri balconi.

Tra le piante più resistenti troviamo:

GERANI: Sono le piante da balcone per antonomasia. Ne esistono numerose varietà e colorazioni e la loro fioritura va dall’inizio dell’estate fino ai primi freddi. I gerani sono una delle piante perenni più classiche; non hanno particolari esigenze e sono dotati di radici forti che gli permettono di crescere bene in qualunque tipo di terreno (attenzione però che non si creino ristagni idrici). I gerani crescono bene a temperature che si aggirano intorno ai 25 gradi, possono quindi essere posizionati in pieno sole, o a mezz’ombra nelle zone o nei periodi dell’anno più caldi. Quando le temperature scendono invece sotto i 15 gradi è meglio trasferirli in una zona protetta. La cosa importante è non far mancare ai gerani l’acqua: vanno bagnati di frequente, anche quotidianamente nei periodi più caldi. Se si desidera poi una fioritura generosa e continua, dalla primavera e per tutta l’estate è bene concimare i gerani ogni 2 settimane.

ORTENSIA: L’ortensia fiorisce durante l’estate e predilige i luoghi luminosi, ma non esposti direttamente ai raggi del sole, è quindi la piante perfetta per quei balconi esposti a nord-est/nord-ovest. Regala fiori di grandi dimensioni e dalle mille sfumature, dal lilla al celeste, dal bianco al verde. Deve essere annaffiata con regolarità tutto l’anno, ma facendo attenzione ad evitare ristagni idrici. Sono inoltre piante che non temono i rigori dell’inverno e generalmente resistono bene fino a 6/7 gradi sotto zero. Nemmeno la potatura è essenziale per le ortensie: se ci limiteremo ad eliminare rami e fiori secchi otterremo esuberanti cespugli, con fioritura abbondante, ma fiori di taglia più piccola. Per mantenere dimensioni e forma desiderate sarà invece opportuno procedere alla potatura, ma senza interventi drastici: basterà limitarsi ad eliminare i rami più vecchi e disordinati a fine inverno.

CICLAMINO: Il ciclamino è perfetto per decorare balconi e terrazzi invernali, è infatti uno dei pochi fiori che resiste alle basse temperature e, necessitando di poche cure, è perfetto per chi desidera un buon risultato senza troppo sforzo. I ciclamini amano posizioni luminose, ma riparate dai raggi diretti del sole. Durante il periodo della fioritura necessitano di acqua in abbondanza, in estate, invece, vanno annaffiati solo saltuariamente e ritirati in una zona fresca e lontana dal sole. In generale, si consiglia di versare l’acqua direttamente nel sottovaso e lasciare che sia la pianta a risucchiarne la quantità a lei necessaria.

CRISANTEMI: Si tratta di piante perenni, la cui fioritura inizia proprio quando le giornate iniziano ad accorciarsi, tra la fine di ottobre e i primi di novembre, per protrarsi per tutto il periodo invernale. Sono piante facile da coltivare e i loro coloratissimi fiori mettono allegria anche durante la brutta stagione. Durante il resto dell’anno forniranno poi un bel cespuglietto di fogliame verde. I crisantemi in vaso avranno bisogno di una quantità di acqua maggiore rispetto a quelli piantati nel terreno, ma per il resto saranno comunque piante robustissime,  non si ammalano praticamente mai e le cure di cui necessitano sono davvero poche. Una volta sfiorito si taglieranno tutti i rami con forbici affilate, si può procedere al trapianto in un vaso leggermente più grande, si innaffiano e si lasciano all’esterno. Con l’approssimarsi della bella stagione, dalla base della pianta spunteranno nuovi getti che andranno a fiorire il prossimo autunno.

ERICA: L’erica è un arbusto perenne sempreverde che dà vita a splendide fioriture durante i mesi invernali. E’ una pianta molto facile da coltivare: necessita di ambienti freschi ed arieggiati, quindi durante il periodo estivo è opportuno spostarla in una zona ombreggiata. In generale l’erica ama comunque la luce (meglio se non diretta) e non ha bisogno di troppa acqua. Fiorirà a temperature comprese tra i 7°C ed i 15°C e se si riesce a mantenere le temperature su tali valori, la fioritura può durare anche molti mesi. Una volta sfiorita andrà potata.