Per autentiche cascate verdi o variopinte, le piante da balcone pendenti sono proprio quel che fanno il caso nostro. Specialmente se le dimensioni del terrazzo non permettono di giocare con vasi e composizioni articolate, lo spazio da sfruttare è infatti quello offerto dalla ringhiera: basterà munirsi di appositi portavasi e agganciarli ai parapetti. Gerani, petunie, surfinie ed edere faranno il resto!

Ecco allora le piante da balcone pendenti più adatte a decorare i nostri spazi verdi.

Esposizioni soleggiate:

 Pelargonium peltatum (geranio edera  o gerani ricadenti): Il geranio edera peltatum è una specie strisciante, con fusti che si allungano fino a raggiungere i 2 metri di lunghezza e foglie lucide, piuttosto carnose, di forma simile a quelle dell’edera. Trova il suo impiego ottimale come pianta ricadente in vaso su finestre, balconi e terrazzi.

Shutterstock[/caption]

Surfina (Petunia ricadente): Tra i fiori estivi più diffusi, nonchè regine delle cassette, ecco le surfinie. Insieme ai gerani, rappresentano le piante più adatte per balconi e terrazzi estivi fioriti. Regaleranno per tutta l’estate una cascata di grandi fiori variopinti.

Shutterstock[/caption]

Calibrachoa (Petunia nana): Tra le piante migliori e più apprezzate per colorare i vasi del terrazzo, i basket appesi, i davanzali, ma anche le aiuole del giardino nella stagione calda. I fiori hanno colori vivaci e sono così numerosi da ricoprire l’intero esemplare: la crescita densa e ricadente, dalla primavera all’autunno, rende la pianta una cascata fiorita spettacolare.

Shutterstock[/caption]

Verbena: Utilizzata come pianta in vaso o come ornamentale pendente, la verbena offre fioriture prolungate e sviluppo rapido. In panieri appesi è possibile godere al meglio dell’effetto ricadente dei rami sottili.

Shutterstock[/caption]

 Bidens: Pianta erbacea perenne caratterizzata da fusti prostrati o ricadenti, che possono raggiungere il mezzo metro di lunghezza. La Bidens va collocata in posizione luminosa, facendo in modo che possa ricevere il sole diretto nelle ore più fresche della giornata.

Shutterstock[/caption]

Zone più ombreggiate:

Lobelia pendula: La lobelia è una pianta erbacea molto decorativa, la si trova nei giardini in cespugli e bordure, ma anche su terrazzi e balconi, in vasi o in cestini appesi. In commercio sono infatti disponibili  varietà a crescita più compatta, o lobelie ricadenti, provviste di lunghi steli. Va sistemata sempre sulla parte anteriore della cassetta in modo che possa ricadere oltre il bordo del vaso.

Shutterstock[/caption]

Zebrina pendula: Nella bella stagione può essere collocata all’aperto, ma va ritirata in autunno. L’esposizione deve essere molto luminosa, ma non in pieno sole.

Shutterstock[/caption]

Thunbergia alata: Molto conosciuta ed apprezzata come pianta per ornare giardini, terrazzi e decorare graticci. Può essere allevate anche in appartamento, sia come pianta ricadente in cesti sospesi, che come rampicante. Produce sottili fusti flessibili, lunghi fino a 200-330 cm. Dalla primavera inoltrata fino ai primi freddi produce piccoli fiori dorati a profusione.

Shutterstock[/caption]

Ipomoea batatas (patata americana): Una vera e propria patata dolce, completa di tuberi e commestibile, ma largamente coltivata per il fogliame decorativo. Molto popolare negli ultimi anni, lavora bene in contenitori misti e come tappezzante.

Shutterstock[/caption]

Edera: L’Edera è una fra le piante ornamentali di più facile coltivazione, specialmente nelle varietà Hedera helix e Hedera canariensis. Non temendo il freddo è particolarmente indicata per composizioni invernali. Di contro, teme il caldo e non ama ricevere luce diretta.

Shutterstock[/caption]