La pertosse, o “tosse asinina”, è una malattia infettiva molto contagiosa; colpisce in particolare i bambini di età inferiore ai 5 anni, ma interessa anche altre fasce d’età. Può assumere forme di particolare gravità nei bambini al di sotto dei 2 anni d’età e può essere fatale per i neonati.

La pertosse è provocata da un batterio che si trasmette attraverso la saliva emessa starnutendo o parlando. Dopo circa 7-20 giorni dall’infezione si presentano i primi sintomi: tosse leggera notturna, malessere generale, raffreddore e secrezione nasale, febbre assente o bassa. Dopo circa 7 giorni la tosse si presenta anche di giorno e diventa progressivamente più intensa, fino a raggiungere i tipici eccessi da tosse convulsiva associate al caratteristico rumore inspiratorio: in questa fase si possono presentare vomito e cianosi dovuta a insufficiente ossigenazione (fase convulsiva).

CHE FARE IN PRESENZA DI PERTOSSE

In presenza di febbre è importante che il bambino beva molto per contrastare la disidratazione. Le bevande calde, ma non bollenti, possono dare un po’ di sollievo. E’ importante che l’ambiente sia sempre umidificato per facilitare e favorire lo scioglimento del muco e alleviare la tosse. Non lasciate da solo il bambino, soprattutto durante gli attacchi di tosse notturni. Si consigliano infine piccole porzioni di cibo per evitare il vomito, e l’assunzione di molti liquidi per alleviare febbre e muco. In caso di terapia antibiotica fate assumere al bambino una buona quantità di yogurt con fermenti lattici vivi per preservare la flora batterica intestinale.

RIMEDI FITOTERAPICI

Somministrate la tintura madre di menta piperita (pianta intera), 10-30 gocce a (a seconda dell’età del bambino) 1-3 volte al giorno. È utile abbinare un macerato glicerico di rosa canina, 20-30 gocce, 1-3 volte al giorno.

INTEGRATORI

  • Vitamina C, 1 compressa per bambini al giorno. Favorisce una più rapida guarigione.
  • Propoli, 2 tavolette al giorno. Rafforza le difese.
  • Fermenti lattici, 1 flaconcino al giorno. Utili per stimolare il sistema immunitario.

OMEOPATIA

Alla comparsa dei primi sintomi, usate una monodose di Drosera rotundifolia 30 CH. Se il vomito è frequente, è indicata Ipecacuanha 5CH, nella dose di 3 granuli ogni 6 ore. Se il piccolo presenta il volto arrossato, la fronte calda, la tosse molto forte e peggiora durante la notte o quando è in posizione sdraiata, è utile somministrare Belladonna 5CH, 3 granuli ogni 2 ore, finché non si nota un miglioramento dei sintomi.

AROMATERAPIA

Per combattere e alleviare i disturbi della pertosse è possibile diffondere nell’ambiente, con l’apposito erogatore, l’olio essenziale di menta: la dose è di 5-10 gocce per una ciotolina d’acqua.

[Attenzione: I rimedi naturali e omeopatici indicati in questi articoli non sono da intendersi come cure medicinali: le dosi e le formule consigliate sono frutto di combinazioni che possono variare a seconda della condizione soggettiva e la loro efficacia dipende dalla sensibilità personale del paziente. Prima di procedere con l'inizio di una cura, se non siete già esperti, consultatevi con un naturopata, un erborista o un omeopata di fiducia che si accerti che non vi siano controindicazioni alla cura. Se il problema persiste o se i sintomi peggiorano, rivolgetevi subito a un medico.]