La prima grande domanda di ogni maledetta estate è: “Ma deve fare per forza così caldo? Non si può restare sui 25 gradi?“. La seconda, invece, è di tipo più ontologico: “Perché le zanzare pungono solo alcuni soggetti, tipo me, e non altri?“. Per quanto riguarda il primo quesito, ahinoi, la risposta è destinata a rimaner sospesa almeno fino a quanto non verrà installato un climatizzatore planetario; per il secondo, invece, abbiamo trovato cinque valide ragioni. Ecco quali:

Gravidanza

Se sei incinta, allora è probabile che i fastidiosi vampiri volanti banchettino con il tuo sangue: esattamente il doppio di quanto non faranno con le altre persone. Come ha dimostrato una ricerca del 2002 pubblicata su Lancet, le donne alla 28esima settimana di gestazione e oltre emettono il 21% di anidride carbonica in più rispetto al normale, e l’anidride carbonica attira le zanzare. Ma non basta: è probabile, infatti, che anche i particolari odori emessi da una donna incinta intervengano a scatenare l’attrazione fatale.

Sudore

Un’altra grande calamita per le zanzare è l’acido lattico, che si trova in abbondanza nel sudore. Inoltre, anche la temperatura della pelle, seppur raffreddata dal sudore stesso, costituisce un notevole motivo di fascino per i simpatici insetti ematofagi.

Gruppo sanguigno

De gustibus non disputandum est, e la cosa vale anche per le zanzare. A quanto pare, come sottolineato da uno studio pubblicato sul Journal of Medical Entomology, il gruppo sanguigno “0″ rappresenta una vera e propria ghiottoneria per loro e gli odori prodotti dalle persone nelle cui vene scorre quel tipo di sangue le attirano ulteriormente.

Alcool

Diversi studi, tra cui uno condotto nell’Africa occidentale e un altro in Giappone, confermano che alcool e zanzare vanno parecchio d’accordo. Non sono ancora chiare le ragioni per cui gli insetti sembrano prediligere le persone che hanno appena consumato dell’alcool, anche se potrebbe essere messo in relazione con l’accresciuta sudorazione (vedi sopra).

Genetica

La risposta valida per tutte le stagioni, soprattutto in estate: se le zanzare divorano voi e non la persona seduta accanto, la ragione potrebbe essere scritta nel vostro DNA. Uno studio della London School of Hygiene and Tropical Medicine ha infatti scoperto che alcune persone producono una sorta di repellente naturale per zanzare, una caratteristica che sembra essere controllata geneticamente.