Sembra avere un po’ le idee confuse sulla sua stessa malattia, Michael Douglas (foto by InfoPhoto) che, nel giro di 48 ore ha ammesso e subito dopo fatto smentire, la notizia di aver contratto la malattia a causa di rapporti sessuali di tipo orale.

La notizia diffusa in breve tempo da tutti i giornali, ha posto l’attenzione sull’alta diffusione del papilloma virus e sull’importanza della prevenzione, soprattutto nelle donne dove le tracce dell’HPV son difficili da individuare perché interne, attraverso esami di tipo sanitario. Il cancro di Douglas, diagnosticato tre anni or sono, è ora in fase di remissione dopo le cure e, sebbene l’attore sia consapevole che il cunnilinguo possa essere causa dell’infezione da papilloma, lui è stato vittima di questa patologia per altri motivi.

Secondo Allen Burry, agente dell’attore, quest’ultimo d’accordo con l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) avrebbe deciso di porre l’attenzione sui rischi del sesso orale, ma non avrebbe ammesso di esser stato vittima di cancro a causa di simili pratiche. “Lui [Douglas] non ha detto che il sesso orale è stato la causa del suo cancro alla gola è la dichiarazione rilasciata da Burry alla BBC .