Il Pap Test è un esame citologico che si attua prelevando un campione di secrezione dal collo dell’utero. È assolutamente indolore e andrebbe ripetuto, in assenza di particolari condizioni, una volta ogni tre anni. Il Pap test è un esame importantissimo per la salute della donna, poiché grazie a questo è possibile diagnosticare anomalie cancerogene a carico del collo dell’utero.

L’HPV (conosciuto come Papilloma Virus), infatti, è diagnosticabile esclusivamente grazie a questo test che ne individua il grado di pericolosità (si parte da un livello di allarme uno fino a un massimo di tre); la vera arma contro questo virus è la prevenzione attraverso screening periodici. Il papilloma, infatti, è asintomatico e non è minimamente fermato dall’uso del profilattico.

Per il corretto svolgimento dell’esame è necessario non aver avuto rapporti sessuali nei tre giorni precedenti, né aver praticato lavande o adoperato ovuli. Il tessuto, infatti, potrebbe essere alterato. Alcuni medici, poi, consigliano di non fare l’esame nei tre giorni prima, e dopo, il ciclo mestruale. Se il pap test dovrebbe dare adito a dubbi sulla salute dell’utero del paziente si approfondirà lo stato del tessuto con una colposcopia (se vuoi saperne di più, invece, sulla mammografia clicca qui).

photo credit: PAHO/WHO via photopin cc