Il Global Overshoot Day quest’anno è arrivato nettamente in anticipo. Il giorno in cui la Terra ha terminato le sue risorse di un intero anno è arrivato il 22 agosto.

Il Global Overshoot Day è un concetto che è stato introdotto alla metà degli anni Ottanta dalla New Economics Foundation di Londra ed indica il rapporto tra le risorse naturali che il pianeta genera ogni anno e la quantità di risorse e servizi che l’umanità utilizza. Un rapporto che dovrebbe essere paritario, 1:1, mentre per il 2012 è arrivato a 1: 1,5.

Questo significa che l’umanità avrebbe bisogno di una terra e mezzo per la sua sopravvivenza; questo fa sì, quindi, che le risorse si esauriscono molto prima della fine dell’anno.

Ciò che mette di più in allarme è il fatto che da quando questo concetto è stato creato la data dell’Overshoot Day sia arrivata sempre prima: si va dal 19 dicembre del 1987 al 22 agosto del 2012 (36 giorni prima del 2011).

Mathis Wackernagel, fondatore della Global Footprint Network, afferma

Un pianeta solo non è più sufficiente per soddisfare le nostre esigenze e per assorbire i nostri rifiuti. Ora i bisogni dell’umanità superano il 50% delle risorse disponibili. Già oggi avremmo bisogno di un pianeta e mezzo e, di questo passo, l’umanità necessiterà di due «Terre» entro il 2050. Gli effetti del sovra-consumo sono molto evidenti: scarsità idrica, desertificazione, ridotta produttività dei campi coltivati, collasso degli stock ittici e cambiamenti climatici.