Non è indispensabile possedere un giardino per godere dei prodotti dell’orto; basta infatti un piccolo balcone per creare un angolo verde che, con un po’ di fantasia e qualche consiglio, regalerà parecchie soddisfazioni.

Fare un orto sul balcone è più semplice di quanto si possa immaginare, dovremo però tener conto di alcuni parametri come:

  • Esposizione: per far crescere le piante servono almeno 4-6 ore di luce, meglio se concentrate nelle ore del mattino, se il balcone guarda dunque a Nord, allora è meglio desistere dall’impresa.
  • Stagionalità: una scelta oculata delle piante ci porterà a coltivare verdure, frutti e ortaggi che siano a disposizione alternativamente durante le quattro stagioni e che continuino a produrre dopo ogni raccolto (insalate da taglio, cicoria, spinaci e bietole), così da avere a disposizione ogni giorno qualche prodotto del nostro orto.
  • Rotazione delle colture: principio antichissimo, oggi ripreso dall’agricoltura biologica, che consente di avere sempre prodotti sani e abbondanti senza impoverire il terreno di coltura. Questi i gruppi di ortaggi che potremo alternare ogni due/tre anni: Gruppo A (leguminose): piselli, fagioli, taccole e fave; Gruppo B (brassicacee e chenopodiacee): biete, rape , cavoli; Gruppo C (cucurbitacee): zucche, zucchine, cetrioli ecc.; Gruppo D (solanacee): pomodori, peperoni, patate, melanzane.

Ciò detto, possiamo passare ad esaminare le piante da orto più adatte a crescere in balcone e i periodi migliori per piantarle.

Orto sul balcone: cosa coltivare in primavera

Con l’arrivo della primavera si possono coltivare in balcone le aromatiche, ma anche ortaggi e golosi frutti di bosco.

Cosa seminare nel mese di marzo: basilico, peperoncino, prezzemolo, erba cipollina, lattuga, menta, rucola, rosmarino, sedano, spinacio e carote (la “Tonda di Parigi”, si prestano meglio alla coltivazione in vaso). E’ necessario però tenere conto delle importanti differenze climatiche che interessano il nostro paese. Nelle aree fredde è bene dunque aspettare circa un mese in più prima di iniziare le semine indicate.

Cosa seminare nel mese di aprile: erbe aromatiche, tra cui prezzemolo, basilico, salvia, menta, mentuccia e rosmarino. Inizieremo a trovare anche le prime piantine di zucchina e pomodoro (preferibile scegliere le qualità “piccole” come i ciliegini). Nelle zone più fredde è però preferibile aspettare la fine del mese prima di metterle a dimora. Quando la temperatura inizia ad aggirarsi intorno ai 25 gradi, si potranno trapiantare anche peperoni e melanzane. Tra le verdure a foglia  avremo le biete, lattuga da taglio, quella cappuccio e l’indivia scarola.

Cosa seminare nel mese di maggio: prezzemolo, basilico, fagiolini e pomodoro (se ancora non sono stati piantati), ma anche sedano, indivia riccia e scarola, lattuga cappuccio e romana estiva, bietole da costa, lattuga e radicchio da taglio, spinacio estivo e fragole.

Cosa seminare nel mese di giugno: basilico, bietola, fagiolino nano, prezzemolo, lattughe e radicchi precoci (di Chioggia).

Orto sul balcone: cosa coltivare in autunno

I raccolti d’estate sono quasi finiti, ma quando le temperature si abbassano si possono coltivare cavoli, verza, broccoli, valerianella, rucola e spinaci, mentre la varietà invernale di lattuga si semina da settembre in poi (con temperatura ideale di crescita tra i 15 e i 18 gradi).