L’olio d’oliva è uno degli alimenti fondamentali della nostra dieta mediterranea, oltre che grande vanto dell’enogastronomia italiana. Non per niente da sempre, in tutto il mondo, i benefici di un regime alimentare basato sui prodotti che rappresentano il vanto di questo tipo di dieta sono considerati benefici per la salute umana.

Proprio in merito all’olio d’oliva, e agli effetti positivi che esso avrebbe, è stato compiuto recentemente uno studio americano. Ebbene, secondo quanto risultato dalle ricerche dell’Università dell’Illinois, grazie all’assunzione dei grassi sani contenuti negli oli vegetali (e in particolare nell’olio extravergine d’oliva) non solo si possono prevenire le malattie cardiovascolari ma si possono ottenere benefici anche quando il cuore è già malato (leggi qui altri consigli su come preservare la salute del cuore).

Sarebbe soprattutto l’acido oleico il principale fattore di miglioramento nel caso di insufficienza o scompenso cardiaco: questo, infatti, aiuterebbe le funzioni di contrazione e pompaggio del sangue – almeno stando ai risultati di laboratorio, ottenuti grazie alla sperimentazione sui topi. In più, oltre a bilanciare il metabolismo dei grassi e contribuire alla riduzione dei metaboliti grassi tossici nei cuori che sono ipertrofici, l’acido oleico sembra ripristinare l’attivazione di alcuni geni per gli enzimi che si occupano di far metabolizzare i grassi.

photo credit: Helena Eriksson via photopin cc