Fra le innumerevoli proprietà benefiche presenti all’interno dell’olio di oliva, vi sarebbe anche quella di aiutare a prevenire il cancro al seno. Lo avrebbero scoperto alcuni ricercatori dell’Università della Navarra (in Spagna), il cui studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Jama Internal Medicine.

Secondo i ricercatori spagnoli, l’olio di oliva sarebbe in grado di far abbassare la percentuale di rischio di sviluppare neoplasie al seno arrivando a toccare punto del 68 per cento. Lo studio è stato infatti condotto all’interno del progetto Predimed (prevenzione con dieta mediterranea), creato con lo scopo di valutare gli effetti che l’alimentazione tipica della zona meridionale dell’Europa può avere sulla prevenzione primaria e sulle patologie cardiovascolari.

In base agli esperimenti compiuti nel corso dello studio, una parte delle 4.282 donne tra i 60 e gli 80 anni coinvolte è stata invitata a seguire un’alimentazione basata sulla dieta mediterranea, con supplemento di olio di oliva (un litro a settimana); un’altra parte a seguire la dieta mediterranea con aggiunta di noci e la restante parte a limitare semplicemente l’uso di grassi.

Dopo cinque anni in cui sono stati effettuati tutti i monitoraggi, i nuovi casi di tumore al seno sono statu 35. In base ai dati, si è poi scoperto che coloro che avevano seguito una dieta mediterranea con supplemento di olio di oliva vedevano ridotte le percentuali di rischio di ammalarsi del 68 per cento. Studi successivi, con un maggior numero di soggetti coinvolti, potrebbero condurre a maggiori certezze in tal senso.