Controllare il peso e combattere i chili di troppo è possibile grazie ad una proteina presente nell’organismo: questo quanto dimostrato da uno studio portato avanti dall’Università Cattolica di Louvain, in Belgio, e pubblicata sulla rivista “Nature Communication”, e che potrebbe portare a diminuire i casi di obesità e diabete di tipo 2.

Studi passati avevano già dimostrato come i microrganismi dell’intestino dell’uomo fossero di grande importanza per una sana digestione: nel corpo umano sono stati contati più di 100 trilioni di batteri che appartengono a oltre mille specie, ma la nuova svolta mostra come il microbiota intestinale possa essere affiancato a obesità e diabete e che, inoltre, il peso corporeo può essere regolato grazie ad una proteina presente nel sistema immunitario intestinale.

Lo studio

Testato su topi da laboratorio – resi diabetici e obesi con una dieta ricca di grassi -, lo studio ha dimostrato come fosse possibile migliorare il metabolismo grazie alla disattivazione della proteina presente nel sistema immunitario dell’intestino: la MyD88. Attuato solamente nelle cellule che vanno a coprire l’intestino, è stato notato come questo metodo vada ad aumentare anche il consumo di energia, rallentando la crescita del tessuto adiposo e riducendo l’infiammazione presente negli individui obesi, proteggendo contro il diabete di tipo 2.

Se bene siano necessari ulteriori accertamenti per far si che questo metodo possa essere effettivamente efficace anche nell’organismo umano, uno degli autori della ricerca, Patrice D. Cani, avrebbe dichiarato che questa sarebbe “la prima volta” in cui “si mostra che il sistema immunitario intestinale svolge un ruolo nella regolazione del peso“. Nel caso in cui risultasse efficace questo andrebbe a risolvere una serie di problemi gravi che affliggono migliaia di italiani: più di quattro adulti su dieci soffrirebbe di sovrappeso, mentre la fascia tra i 65 e 75 anni arriverebbe addirittura al 60%. Ma ciò che inizia a preoccupare è anche la fascia di giovanissimi che per il 22,9% sarebbe in sovrappeso, mentre l’11,1% è obeso. Oltre tre milioni di italiani soffrirebbe invece di diabete di tipo 2.

(photocredit: Pixabay)