Via libera da parte della Commissione Europea per l’entrata in commercio di un nuovo farmaco per combattere l’obesità.

La pillola in questione è il Liraglutide 3 mg, prodotta dall’azienda Novo Nordisk e a quanto pare equivalente ad un altro farmaco, il GLP-1, simile al 97% ad un ormone che il corpo umano rilascia nel momento in cui si assume del cibo, il GLP-1 endogeno.

Liraglutide 3 mg: come funziona e gli effetti

Il compito del farmaco è quello di regolare l’appetito per andare poi, con il passare del tempo, a far perdere peso al paziente. Questo infatti permetterà di rendere stabili i livelli di insulina grazie alla riduzione di glucagone e, al contrario, va a stimolare la secrezione di insulina.

Tuttavia  a quanto pare la sola assunzione della pillola non basterebbe per combattere una condizione di obesità ma, infatti, questa dovrebbe essere affiancata ad una dieta di tipo ipocalorico e, come sempre, dell’attività fisica regolare.

Obesità: i dati allarmanti

Ritengo il farmaco di grande importanza per la sanità pubblica” ha dichiarato il direttore Centro studi e ricerche sull’obesità dell’Università degli Studi di Milano, Michele Carruba, continuando “perché l’obesità è un problema non solo medico, ma anche sociale.

Questo perché solo in Italia, come dichiarato dallo stesso secondo quanto riferito dall’Ansa, circa il 10% degli italiani sarebbe obeso, mentre il 39% risulterebbe in una condizione di sovrappeso. Una condizione che a sua volta può essere provocata da diversi fattori, da quelli genetici a quelli psicologici, fisiologici e anche ambientali e che vanno provocare inevitabilmente anche dei problemi di salute, anche gravi, che vanno dalle malattie cardiovascolari – come ictus e infarto – ma anche casi di tumori e patologie renali o epatiche.

Una patologia che, ogni anno fa spendere un vero e proprio patrimonio, perché; conclude Carruba,“In Italia spendiamo circa 28 miliardi l’anno per curare l’obesità e le malattie ad essa correlate. Il fatto che il farmaco sia stato approvato ne dimostra l’efficacia.