I Livelli essenziali di assistenza (i Lea) sono stati aggiornati e prevedono ora molte nuove voci prima assenti. In questo modo migliaia di persone potranno ottenere prestazioni che devono essere garantite in tutte le Regioni italiane. Ma quali sono questi nuovi Livelli essenziali di assistenza che sono stati aggiunti alla lista?

Si tratta della procreazione medicalmente assistita ad esempio (la Pma), in cui è compresa anche la fecondazione eterologa oppure dell’endometriosi, una patologia che colpisce tantissime donne. Ma non solo perché l’aggiornamento ha permesso di inserire anche le prestazioni di genetica (come la consulenza genetica), l’Androterapia oppure la radioterapia stereotassica.

L’introduzione dei nuovi Livelli essenziali di assistenza va anche ad aggiornare la nomenclatura dell’assistenza protesica, in cui sono stati aggiunti le attrezzature domotiche, le carrozzine grandi e quelle con sistema di verticalizzazione e infine gli ausili informatici che permettono di comunicare. I nuovi Lea si preoccupano anche di andare ad aggiornare e arricchire la lista delle malattie rare (ne vengono introdotte nel centodieci, tra cui la sclerosi sistemica progressiva oppure la sarcoidosi).

Rivisito e aggiornato anche l’elenco delle patologie croniche, con l’introduzione di sei nuove malattie, tra cui rene policistico autosomico dominante, l’osteomelite cronica oppure la talidomide. Alcune malattie, come la celiachia oppure la sindrome di Down sono invece state spostate dalla categoria malattia rara a malattia cronica. I nuovi Lea si preoccupano anche di dedicare un intero capitolo ai disturbi dello spettro autistico (trattamento, diagnosi, cura…).