Vi segnalo quest’iniziativa che sicuramente farà felici tutti i vegetariani e i vegani d’Italia: nell’ambito della sesta Settimana vegetariana internazionale, che si festeggia dal 30 settmebre al 6 ottobre 2013, venerdì 4 ottobre, giorno di San Francesco (che come ricorderete era amico di tutti gli animali), in tutta Italia si svolgerà la prima Notte Veg. L’iniziativa è stata promossa da Edizioni Sonda, che quest’anno festeggia i 25 anni di attività, in collaborazione con i ristoranti e locali veg, ed invita tutti i propri lettori e tutti i vegetariani e vegani italiani a trovarsi idealmente ad una cena vegan il 4 ottobre per celebrare il proprio
amore per la natura e gli animali: insomma, si tratta di una festa “simultanea” che coinvolga tutto il mondo veg italiano.

QUANTI SONO I VEGETARIANI E I VEGANI IN ITALIA?

Dal Rapporto Eurispes 2013 emerge che il 6% (ben 3.720.000) degli Italiani è vegetariano (il 4,9%) o vegano (1,1%), percentuali che sono aumentate del 2% rispetto al 2012.
Dal rapporto emerge che sono più donne ad aver effettuato una scelta etica sull’alimentazione (più del doppio rispetto agli uomini: 66,7% contro il 30,8%), una scelta dettata principalmente da motivi di salute.

PERCHE’ UNA NOTTE VEG?

La Notte Veg rappresenta l’occasione per ritrovarsi a cena, sperimentando un’alimentazione sana e genuina, e comunicando, a chi ancora non li conosce, gli aspetti positivi legati a una scelta alimentare vegana, fornendo alternative alimentari a carne e latticini, per sviluppare la consapevolezza sulle proprie scelte alimentari.

Tendiamo a non pensare a quello che mangiamo come a una questione etica – spiega Sonda in merito alle finalità dell’iniziativa -. Lo è il nostro impegno per la comunità civile, o il nostro rapporto col fisco o, al limite, la nostra vita sessuale. Raramente ci chiediamo quali siano le conseguenze etiche di cosa mangiamo: c’è mai stato un politico la cui immagine sia stata danneggiata da rivelazioni su cosa mangia?

COSA SI FA NELLA NOTTE VEG?

Cosa si fa? I ristoranti e i locali che partecipano all’iniziativa, anche non specializzati, proporranno esclusivamente una
cena e un menu’ vegan per mangiare insieme e per condividere e diffondere un messaggio di rispetto universale.
Ogni locale, ogni associazione e ogni famiglia o persona che aderirà a questa iniziativa potrà completare la serata, fino a tardi, con attività originali (presentazioni librarie, letture ad alta voce, musica, conversazioni, proiezioni…). È in via di definizione il programma all’insegna della spontaneità, in cui ciascuno possa interpretarlo, se vuole, a modo suo, con originalità e fantasia.
La casa editrice mette a disposizione la VegAgenda 2014 con i suoi autori e collaboratori, nonché tutti i suoi libri.
Insomma, una bella iniziativa per una cena buona ed etica.