Onde cerebrali come note musicali e il nostro cervello teatro di una colonna sonora. E’ la scoperta di un team di ricercatori, coordinato da Jing Lu della University of Electronic Science and Technology of China, che ha combinato e tradotto due tipologie di onde cerebrali in musica, creando intonazione e durata di una nota.

La scoperta è stata resa possibile dall’utilizzo simultaneo di elettroencefalografia e della risonanza magnetica funzionale, con quest’ultima, in particolare, che ha permesso il controllo dell’intensità della musica. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Plos One” e ha rivelato, di fatto, un metodo per riflettere in musica i processi fisiologici del cervello.

Questa musica cerebrale  - hanno fatto sapere i ricercatori - interpreta artisticamente il lavoro del cervello, sviluppando una piattaforma creativa dove scienziati e artisti possono incontrarsi per comprendere meglio i link tra la musica e il cervello umano“.

Il traguardo è stato reso possibile grazie all’ottimizzazione di scoperte effettuate precedentemente dallo stesso gruppo di ricerca.

photo credit: teo_ladodicivideo via photopin cc